Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizie › referendum
Referendum
5/12/2016
Lo straordinario risultato che ha vinto il No prevalere in Sardegna con oltre il 70percento dei voti è un segnale fortissimo inviato al presidente della Regione Pigliaru e al Centrosinistra che oggi governa insieme a lui
5/12/2016
La partecipazione è un buon segno per la democrazia, il dato elettorale è inequivocabile ma non credo influisca sugli assetti attuali del Governo regionale se non in termini di rilancio dell’azione della Giunta
5/12/2016
Non posso che prenderne atto, a maggior ragione di fronte a una partecipazione così alta e appassionata che rivela anche un malcontento diffuso e la domanda di azioni più incisive per migliorare la vita delle persone. Molte riforme importanti, attese da anni, le abbiamo fatte. Altre dovranno essere adottate al più presto. Servono decisioni immediate e profonde a cui lavorerò con la mia maggioranza sin dai prossimi giorni
5/12/2016
Con il risultato del referendum costituzionale, la possibilità di avviare un processo di riforma del Paese ha subito una battuta di arresto. Tanti atteggiamenti negativi si sono sommati: in Sardegna e nel Mezzogiorno la crisi economica ed occupazionale, ancora duramente perdurante, hanno dato motivo di opporsi alla proposta di riforma costituzionale, letta come un giudizio sulla azione del Governo
5/12/2016
L´esito è stato chiaro e inequivocabile sul fatto che le riforme proposte non erano quelle volute dagli italiani, ha vinto la difesa della Costituzione, intesa anche come baluardo difensivo verso la politica e i partiti quando questi si allontanino dagli interessi dei cittadini
5/12/2016
Il risultato rilevato a Sassari non lascia spazio ad equivoci, i sassaresi hanno bocciato severamente questa riforma pasticciata e dato un segnale importante all’attuale amministrazione, con l’arroganza e la prepotenza non si va avanti
5/12/2016
Stavo dalla parte di chi questa riforma costituzionale la giudicava un´opportunità per il Paese, per semplificare, avere una democrazia e un parlamento che decide e non parla soltanto, per cancellare le province (che invece ora ci dobbiamo tenere), per un rapporto diretto con le autonomie locali
5/12/2016
Il risultato referendario del 4 dicembre pone la Sardegna come la regione più anti-renziana d’Italia, e rappresenta una bocciatura politica netta, chiara e lampante dell’attuale Giunta regionale
5/12/2016
Ha vinto il popolo, il fronte del No, il Centrodestra o i difensori della Costituzione? Un po´ tutti e un po´ nessuno. Ma è invece certo chi ha perso: di sicuro Renzi e, per quanto riguarda la nostra Isola Pigliaru, il Pd e i sindaci che si sono apertamente schierati col Si e che hanno portato la Sardegna a conseguire il record italiano dei No: il 72,2percento
5/12/2016
Il primo si è dimesso, il secondo, se avesse un briciolo di dignità, dovrebbe seguirlo a ruota perché non solo ha tradito tutti gli impegni ma ha tradito i sardi sui principi fondamentali del nostro Statuto ed è rimasto solo
© 2000-2018 Mediatica sas