Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaAmbienteSolidarietà › Marcia per pace e lavoro: in 5mila nel Sulcis
S.A. 31 dicembre 2015
Per la prima volta nella sua storia, la Marcia si è spostata da Oristano al Sulcis, la provincia più povera d´Italia con un altissimo tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile
Marcia per pace e lavoro: in 5mila nel Sulcis


CARBONIA - Una Marcia della pace nel cuore del deserto industriale della Sardegna, il Sulcis, per rivendicare il diritto al lavoro e alla salute. E' stato scelto un luogo simbolo della povertà per la XXIX edizione dell'iniziativa promossa ogni anno dalla diocesi di Ales-Terralba e dalla Caritas regionale. Circa cinquemila persone si sono radunate nel pomeriggio di mercoledì davanti alla Grande miniera di Serbariu, a Carbonia, per poi incamminarsi verso piazza Roma, nel centro della città.

Per la prima volta nella sua storia, la Marcia si è spostata da Oristano al Sulcis, la provincia più povera d'Italia con un altissimo tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile, e dove le aziende che prima producevano benessere hanno chiuso, lasciando aperte solo le vertenze. Tra i partecipanti al corteo, molti lavoratori ex Alcoa e della Carbosulcis e tutti i rappresentanti delle varie sigle sindacali. Lavoro, povertà e ambiente, proprio questi i temi guida della Marcia aperta con un brevissimo discorso del vescovo della diocesi di Ales-Terralba, Giovanni Dettori.

Ad aprire il corteo lo striscione del comitato promotore tenuto dai giovani, seguito dalle numerose autorità presenti fra cui i vescovi di Cagliari, Arrigo Miglio, Paolo Zedda di Iglesias, mons. Giovanni Dettori vescovo di Ales-Terralba che ha fatto la preghiera introduttiva e il sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti.

Nella foto: un momento ella manifestazione
28/6/2016
I fondi raccolti con la manifestazione consentirannop di acquistare un faretto ogni dieci metri, ma nei prossimi giorni, una volta tirate le somme dell’evento, è molto probabile che i faretti posizionati sul manto d’asfalto siano molti di più
© 2000-2016 Mediatica sas