Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Agricoltura, spesa Psr al 99%
A.B. 2 gennaio 2016
«Un risultato assolutamente straordinario, insperato», dichiara l´assessore regionale all´Agricoltura Elisabetta Falchi
Agricoltura, spesa Psr al 99%


CAGLIARI - «Sulla base dei dati ufficiali a disposizione, abbiamo raggiunto circa il 99percento della spesa del Programma di sviluppo rurale 2007-13. Un risultato assolutamente straordinario, insperato, reso possibile dal lavoro encomiabile del personale, che si è speso senza sosta, dell’Assessorato e di Argea Sardegna, dalla fondamentale collaborazione dell’ultimo periodo ottenuta da Agea Nazionale, e, non ultimo, dal lavoro svolto dai Gal e dai tecnici e professionisti regionali che hanno presentato le domande. Grazie a loro è stato possibile rendicontare le diverse centinaia di pratiche pervenute al sistema fino agli ultimi giorni di dicembre». Questa la prima dichiarazione dell'assessore regionale all'Agricoltura Elisabetta Falchi all'indomani della chiusura della rendicontazione del Programma.

«Prendiamo atto che il Psr 2007-2013 è partito effettivamente a fine 2008 - prosegue la titolare dell’assessorato Agricoltura - ed è durato perciò poco più di sette anni. Negli ultimi venti mesi, con un’immane attività di riorganizzazione della struttura e di rimodulazione della spesa che ha riguardato vari assi e misure (si pensi in particolare alle risorse destinate all'asse IV che a gennaio 2015 contabilizzavano ancora solo il 30percento della spesa), siamo riusciti a spendere più di un terzo della cifra iniziale, quasi 450milioni di euro. A breve, appena avremo i dati ufficiali consolidati, forniremo il quadro di dettaglio dei risultati conseguiti». La portata eccezionale del risultato può essere apprezzata nella sua rilevanza se si tiene conto del punto di partenza all’indomani dell’insediamento della Giunta Pigliaru: al 31 maggio 2014 infatti, ad appena un anno e mezzo dalla chiusura del programma, si profilava un catastrofico pericolo di disimpegno dei fondi europei, essendo stato speso solo il 64percento della spesa pubblica assegnata di un miliardo e 285milioni.

Con i numeri, ci sono importanti operazioni di investimento realizzate a favore delle imprese agricole e dei Comuni. Grazie alle operazioni di scorrimento delle graduatorie dell’Asse 1 ed alla riprogrammazione dei Gal, nel solo 2015, per citare qualche esempio, sono stati recuperati quasi 40milioni di euro per l’ammodernamento delle imprese, trasferiti oltre 25milioni di euro per la realizzazione della banda larga rurale, impiegati 13milioni di euro di ulteriori risorse per opere di riqualificazione del territorio rurale, direttamente assegnati ai Comuni 77 minibus, 63 terne, 75 pickup e 51 autocarri, per oltre 10milioni di euro. «Il 2015 che si è appena chiuso è stato un anno davvero molto difficile – sottolinea la Falchi - ma siamo riusciti in due obbiettivi straordinari: completare con successo il Psr uscente e veder approvato il nuovo Psr 2014-2020. E’ proprio alla luce di tale considerazione – chiosa l’assessore - che il nuovo Programma dovrà rappresentare una rivoluzione, con bandi a sportello e sburocratizzazione delle procedure, mentre sottolineo che siamo già partiti il 31 dicembre, tra le prime regioni in Italia, con i bandi della nuova programmazione dei Gal».

Nella foto: l'assessore regionale Elisabetta Falchi
8:40
Gabriele Chelo, imprenditore di Santa Maria la Palma, s´impone nel premio regionale di abilità e professionalità sulla potatura degli ulivi. Rappresenterà la Sardegna al campionato nazionale che si terrà in Toscana. Al giovane agricoltore algherese i complimenti del territorio
10:11
Nenerdì 31 marzo a Santa Giusta un importante appuntamento per gli operatori agrituristici della provincia di Oristano, presso la sala riunioni del Centro civico comunale in Piazza Othoca
10:05
Giunta si costituisce in giudizio presso il tribunale delle imprese di Roma per difendere il marchio Dop del Pecorino Romano: Si tratta di un atto dovuto
27/3/2017
Il Consorzio di Bonifica della Nurra introduce nuove disposizioni a seguito della forte limitazione nell´uso dell´acqua irrigua a causa delle criticità del sistema di approvviggionamento idrico Temo-Cuga-Bidighinzu e delle poche precipitazioni registrate nei mesi scorsi
17:42
Nell’isola sono, infatti, 2.501 i produttori e trasformatori che operano in questo settore, cresciuto tra il 2014 e 2015 del 3,9%. Giovedì 30 marzo a Sassari seminario tecnico organizzato da Confartigianato Imprese Sardegna ed Ecogruppo Italia
27/3/2017
E´ veramente necessario stoppare l´iter di un piano di bonifica da cui possono trarre vantaggio la maggior parte degli agricoltori delle borgate storiche? Quale può essere l´interesse di pochi rispetto ai tanti? Il compito di una amministrazione deve essere prima di tutto proporre progetti e soluzioni in tutti i campi, tenendo conto del bene collettivo
28/3/2017
5milioni e 175mila euro destinati ai Consorzi di Bonifica della Sardegna. Tali risorse sono ripartite tra i Consorzi in misura pari a 3/12 del contributo concesso nell’anno 2016
27/3/2017
A raccolta parte delle opposizioni consiliari di Alghero nella sede del circolo cittadino del Partito democratico: Alleanza Popolare (ex Ncd), Patto Civico, Psd´Az e Gruppo Misto. Forza Italia storce il naso e sta alla finestra
© 2000-2017 Mediatica sas