Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteSui rifiuti la memoria corta del centro-destra
Giampietro Moro 4 gennaio 2016
L'opinione di Giampietro Moro
Sui rifiuti la memoria corta del centro-destra


Il nuovo anno non deve aver portato bene al consigliere Pais che collezione l'ennesima brutta figura, frutto dell'ossessivo desiderio denigratorio a cui ha tristemente abituato tutti. Il baratro la città lo ha toccato, ha ragione l'ex assessore alle Finanze, proprio col servizio d'igiene urbana pensato, elaborato e approvato da Forza Italia nel 2007 dopo svariati anni di proroghe e nonostante il precedente contratto scaduto nel 2004. Sono sotto gli occhi della città i disservizi generati da un capitolato evidentemente sbagliato, che troppi danni d'immagine ha creato ad Alghero, fortunatamente prossimo alla pensione. Michele Pais ha la memoria corta, ma non gli algheresi, che si ritrovano a leggere dichiarazioni fuori dal tempo, a cui non credono più nemmeno i compagni di partito, non solo i colleghi di opposizione.

E' infatti anche sul disastroso servizio di raccolta dei rifiuti e sull'indecorosa gestione del verde urbano che gli algheresi hanno certificato il fallimento dell'amministrazione di Centrodestra. Credo che anche quando si fa opposizione bisogna avere il coraggio di dire la verità e non puntare sempre e solo a confondere e distorcere la realtà: la città non ha alcun beneficio da questo squallido gioco delle parti. L’iter amministrativo che porterà al nuovo servizio di nettezza urbana, ben avviato a conclusione, è ancora in corso: dopo la proposta di aggiudicazione provvisoria al Consorzio Ambiente 2.0, il responsabile del procedimento ha ultimato il riscontro della documentazione relativa alla comprova dei requisiti propedeutica all'aggiudicazione definitiva e ha ritenuto di dover comunicare all’impresa aggiudicataria l’avvio del procedimento di annullamento dell’aggiudicazione dalla gara, avverso al quale l’impresa ha il diritto di presentare per iscritto le proprie osservazioni.

Solo al termine di questo ulteriore breve periodo di verifica il responsabile del procedimento deciderà se confermare o revocare il provvedimento provvisorio e contestualmente emetterà il provvedimento di aggiudicazione definitiva. Insomma, si procede secondo le più elementari regole dei pubblici appalti, nella più totale normalità e trasparenza. Un'ultima considerazione: per una città più pulita e decorosa, a fianco al rinnovato servizio, sarà necessario il contributo costruttivo di tutti ad iniziare da una corretta informazione da parte di chi ha responsabilità pubbliche, fosse anche consigliere di opposizione.

*Capogruppo Sinistra Civica Alghero
9:10
«L’extrema ratio sarà la risoluzione del contratto. La sanzione più grave a cui si può arrivare è la rescissione del contratto qualora non verranno garantiti i servizi». L’assessore all’Ambiente Cristina Biancu non esclude come ultima soluzione un annullamento del contratto o l’applicazione di “penali” per una serie di disservizi registrati e contestati nel servizio di raccolta e pulizia della città
16:34
Permane la forte criticità determinata da un pino crollato sul viale Sant´Ignazio da Laconi e che occupa l´intera carreggiata. Per questo il Comune di Cagliari ha prontamente provveduto a chiudere la strada alla circolazione dei veicoli
© 2000-2017 Mediatica sas