Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaSocietà › 38mila pasti ai poveri di Alghero. Appello-intervista del Vescovo
Sara Alivesi 5 gennaio 2016 video
Quasi cento le richieste quotidiane che arrivano per la stragrande maggioranza dalle famiglie algheresi; mentre sono diminuiti notevolmente gli stranieri. Appello ai volontari. L'intervista al Vescovo Mauro Maria Morfino
38mila pasti ai poveri di Alghero
Appello-intervista del Vescovo


ALGHERO - Se un "ristorante" ad Alghero non va mai in crisi è quello della Caritas. La cittadina della Riviera del corallo non è un'eccezione rispetto alle mense che distribuiscono i pasti caldi alle persone bisognose in tutta Italia. Un servizio che si associa a tanti altri curati dalla comunità ecclesiastica della Diocesi Alghero-Bosa e ad un gruppo numeroso di volontari. Non sono mai abbastanza e l'appello ad unirsi alle attività è rivolto a tutti i cittadini.

L'occasione è l'incontro svoltosi lunedì, nella sala dell'ex Seminario, alla presenza del Vescovo Mauro Maria Morfino e del direttore della Caritas diocesana don Giuseppe Curcu. Parole di ringraziamento da parte di entrambi per il lavoro quotidiano dei singoli, delle associazioni e delle parrochie: «grazie per quello che siete prima ancora di quello che fate» ha detto Morfino che apre soprattutto ai giovani: «la vera sfida della Caritas di Alghero e non solo». Nella Diocesi sono 180, 140 solo in città e 40 ruotano da parrochie e da Unitalsi.

Sono circa 38mila i pasti distribuiti ad Alghero negli ultimi dodici mesi, circa un migliaia di meno rispetto all'anno precedente, poichè da novembre è stata sospesa l'assistenza domiciliare a cura dei Servizi Sociali. Quasi cento le richieste quotidiane che arrivano per la stragrande maggioranza dalle famiglie algheresi; mentre sono diminuiti notevolmente gli stranieri, in particolare i senegalesi che rappresentano la comunità più numerosa in città. Quasi tutti consumano i viveri altrove perche la sede in via Sassari è agibile solo per 16 persone.

Restano operativi tutti gli altri servizi: dalla distruzione degli alimenti (a cura delle parrocchie), dei mobili e degli indumenti, alla disponibilità delle docce; dal centro ascolto allo sportello giuridico; dalla casa di accoglienza ai laboratori di di strategie, di arte e creatività. Nell'anno appena trascorso la Caritas ha partecipato al programma di reinserimento sociale dei rom algheresi dopo la chiusura del campo, accogliendo in due appartamenti due famiglie. Tra i nuovi progetti è già operativo il recupero scolastico per gli studenti in difficoltà. Si attende ancora per quello più ambizioso di una Cittadella della Carità che sorgerà a San Paolo, così da offrire una migliore assistenza ai detenuti durante i premessi premio.

Foto archivio

11:39
Avviso per presentare le candidature, in forma singola o in rappresentanza di associazioni. Ultimo termine il 15 dicembre. La Commissione sarà costituita da 10 donne
8:55
La Chiesa ortodossa romena di Cagliari guidata dal prete Ioan Agape, ha organizzato un incontro per la comunità romena che vive in Sardegna, la più numerosa comunità straniera nell´isola
© 2000-2016 Mediatica sas