Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaLavoro › Codacons: class-action in Sardegna
A.B. 6 gennaio 2016
L´associazione dei consumatori lancia oggi una mega-class action contro lo Stato per il blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici. 110mila lavoratori possono chiedere 8800euro ciascuno di risarcimento per il blocco illegittimo degli stipendi e per il ritardo nella esecuzione della sentenza della Corte Costituzionale che impone il rinnovo contrattuale dal primo gennaio
Codacons: class-action in Sardegna


CAGLIARI - Parte oggi l’azione collettiva del Codacons contro lo Stato per l'illegittimo blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici della Sardegna, fermi dal 2010. l’associazione dei consumatori ha pubblicato sul proprio sito internet la pagina attraverso la quale tutti i lavoratori interessati possono aderire alla class action ed ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali subiti. “Come è noto - spiega il Codacons - la sentenza della Corte Costituzionale n.178 del 24 giugno 2015 ha stabilito che il blocco dei contratti del pubblico impiego attuato con il Dl n.78/2010, convertito in legge n.122/2010, è illegittimo ma ha limitato tale illegittimità solo al periodo successivo alla pubblicazione della sentenza stessa”.

Per questo, i 110mila dipendenti pubblici in Sardegna possono ora chiedere un indennizzo da “attività legittima” dello Stato, che ha bloccato per sei anni la contrattazione e, contestualmente, possono chiedere un vero e proprio risarcimento per inadempimento dell'obbligo per il periodo successivo alla pubblicazione della sentenza, ossia dal 30 luglio 2015 fino all'effettivo rinnovo. Con la stessa azione, il Codacons (con i dipendenti pubblici) chiede il rinnovo dei contratti collettivi per il personale pubblico dipendente dal primo gennaio 2016, obbligo direttamente scaturente dalla sentenza della Corte Costituzionale n.178/2015.

La richiesta che ciascun dipendente pubblico può formulare dunque è di 100euro al mese a titolo di indennizzo per il periodo che va dal 2010 al 30 luglio 2015 e di 200euro al mese per il periodo successivo al 30 luglio 2015, perdurando l’inadempimento ormai chiaramente sanzionato dalla Corte stessa, per un totale di 8800euro a lavoratore. Sul sito internet del Codacons, si possono trovare tutte le istruzioni utili per aderire alla class action.
17:17
A disposizione ci sono 544 posizioni approvate dalla Regione, a cui vanno aggiunti i posti – circa altrettanti – messi a disposizione dagli enti aventi sedi in Sardegna ma iscritti all’albo nazionale
13:11
Nell´ultima riunione, la Giunta Regionale, su proposta del presidente Francesco Pigliaru, d’intesa con gli assessori del Lavoro e della Programmazione, ha varato il programma integrato per i futuri imprenditori sardi
28/6/2016
Fino al 30 giugno è possibile presentare domanda per partecipare al progetto di Servizio Civile nazionale del Comune di Sassari - Settore Attività giovanili e sportive - Ufficio Informagiovani "Se gioventù sapesse..."
8:21
C’è tempo fino al 30 giugno per presentare la domanda per il progetto “Giovani in rete” nell’ambito del quale è prevista la selezione di una ragazza o ragazzo di età compresa tra i 18 e i 28 anni
27/6/2016
L´intesa è stata siglata alla presenza del viceministro dello Sviluppo Teresa Bellanova e del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. Sugli esuberi niente accordo: sono 406
27/6/2016
Un pomeriggio dedicato ad un servizio di informazione per i giovani che intendono fare esperienze di formazione e di lavoro e infine la musica popolare con una gara di canto sardo a chitarra
28/6/2016
Un operaio del paese, Paolo Fronteddu, di 31 anni, è scivolato dentro una buca battendo la testa e rimanendo ferito. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia di Siniscola per ricostruire la dinamica
© 2000-2016 Mediatica sas