Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaLavoro › Codacons: class-action in Sardegna
A.B. 6 gennaio 2016
L´associazione dei consumatori lancia oggi una mega-class action contro lo Stato per il blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici. 110mila lavoratori possono chiedere 8800euro ciascuno di risarcimento per il blocco illegittimo degli stipendi e per il ritardo nella esecuzione della sentenza della Corte Costituzionale che impone il rinnovo contrattuale dal primo gennaio
Codacons: class-action in Sardegna


CAGLIARI - Parte oggi l’azione collettiva del Codacons contro lo Stato per l'illegittimo blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici della Sardegna, fermi dal 2010. l’associazione dei consumatori ha pubblicato sul proprio sito internet la pagina attraverso la quale tutti i lavoratori interessati possono aderire alla class action ed ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali subiti. “Come è noto - spiega il Codacons - la sentenza della Corte Costituzionale n.178 del 24 giugno 2015 ha stabilito che il blocco dei contratti del pubblico impiego attuato con il Dl n.78/2010, convertito in legge n.122/2010, è illegittimo ma ha limitato tale illegittimità solo al periodo successivo alla pubblicazione della sentenza stessa”.

Per questo, i 110mila dipendenti pubblici in Sardegna possono ora chiedere un indennizzo da “attività legittima” dello Stato, che ha bloccato per sei anni la contrattazione e, contestualmente, possono chiedere un vero e proprio risarcimento per inadempimento dell'obbligo per il periodo successivo alla pubblicazione della sentenza, ossia dal 30 luglio 2015 fino all'effettivo rinnovo. Con la stessa azione, il Codacons (con i dipendenti pubblici) chiede il rinnovo dei contratti collettivi per il personale pubblico dipendente dal primo gennaio 2016, obbligo direttamente scaturente dalla sentenza della Corte Costituzionale n.178/2015.

La richiesta che ciascun dipendente pubblico può formulare dunque è di 100euro al mese a titolo di indennizzo per il periodo che va dal 2010 al 30 luglio 2015 e di 200euro al mese per il periodo successivo al 30 luglio 2015, perdurando l’inadempimento ormai chiaramente sanzionato dalla Corte stessa, per un totale di 8800euro a lavoratore. Sul sito internet del Codacons, si possono trovare tutte le istruzioni utili per aderire alla class action.
12:41
Attivo all´Università degli studi di Sassari il percorso “Pf 24” per l´accesso al concorso nazionale. Oltre 1.800 gli iscritti provenienti da tutta la Sardegna
23/11/2017
Suona come un colpo di scure la risposta del sindaco Sean Wheeler all’interrogazione presentata dal consigliere del Partito democratico Massimo Cossu durante l’ultima seduta del consiglio comunale
22/11/2017
«Sono stati presentati a Cagliari i progetti predisposti dal comune di Sassari e la Regione ha constatato che lo stesso comune avrebbe la capacità di assunzione - ha detto Massimiliano Ledda, capogruppo consiliare del Partito democratico - e quindi entro 40 giorni, ossia prima di Natale i lavoratori provenienti dall’ex Bacino "Ati-Ifras",rientreranno a lavorare compresi gli operai di Porto Torres»
22/11/2017
Depositati e in fase di discussione gli emendamenti di Pd (41.78) a prima firma Lai e di Ap (41.0.13) Viceconte. Silvio Lai: Spero che la proposta rientri tra le priorità condivise in maggioranza
22/11/2017
«Giunta sempre disponibile al dialogo ed al confronto per il rilancio del comparto», hanno dichiarato ieri a Cagliari gli assessori regionali dell´Agricoltura e degli Affari generali, che hanno partecipato all´incontro “Agricoltura e zootecnia: una strategia per lo sviluppo”
© 2000-2017 Mediatica sas