Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteBuon 2016 l´anno del Puc e della buca
Luciano Deriu 7 gennaio 2016
L'opinione di Luciano Deriu
Buon 2016 l´anno del Puc e della buca


Il 2016 sarà l’anno del Piano Urbanistico Comunale. Così è stato annunciato dall’Amministrazione di Alghero. È una buona notizia. La gestazione di questo piano parte da molto lontano, dal 1998. L’attuale Amministrazione, ha investito molto nel lavoro di pianificazione per disegnare, si spera, una visione finalmente matura della città, adeguata al suo ruolo. Che dovrebbe essere quello dell’offerta di un turismo sostenibile, che rompe la stagionalità, si integra con la buona qualità della vita, con un’agricoltura che si espande nel territorio, guardando sempre di più alla salute e al biologico, con una offerta di servizi e artigianato che lavorano tutto l’anno.

La città che vorremmo uscisse da questo PUC è una città nuova che si dedica, come dice Renzo Piano, al “rammendo”, recupera e riqualifica l’esistente. E, se deve aggiungere qualche cubatura, privilegia la qualità e non la quantità dei metri cubi. Ciò vuol dire rinunciare per sempre all’urbanistica intensiva, ai brutti palazzoni da periferia metropolitana che dagli anni Sessanta in poi hanno rovinato il volto di Alghero,vuol dire prevedere una nuova tipologia abitativa con larghi spazi verdi e palazzine di buona qualità e di dimensioni contenute, fornite di un’identità architettonica non casuale ma pianificata secondo i criteri di una città mediterranea.

Ma quello che più vorremmo è che il 2016 fosse anche l’anno della buca. Per dire che la priorità dell’anno dovrebbe essere anche e finalmente il decoro urbano. A iniziare dalle buche che devastano le strade cittadine, ormai adatte più ai cingolati che alle normali berline in circolazione. L’anno che ci lasciamo dietro ha visto importanti novità. La circonvallazione della città e la strada extraurbana Alghero-Sassari, seppure con qualche incidente di percorso (positivo, perché la revisione del progetto dovrà ridimensionare l’impatto ambientale), sembrano ormai certe e in dirittura d’arrivo.

Ai nostri occhi di osservatori, il gruppo politico che traina l’esperienza amministrativa appare assai motivato e coeso, fornito di una solida cultura che viene dal cattolicesimo sociale ed è forse in questo campo che ha dato il meglio di sé. Memorabile rimane la sistemazione dei Rom, una questione irrisolta da decenni, che è valsa all’Amministrazione di Alghero un riconoscimento sui media nazionali e perfino un’audizione in Senato. Meno solida nei nostri decisori politici appare invece la cultura ambientale. Perché, data per scontata l’onestà di intenti, il decoro urbano non è stata un’assoluta priorità. Eppure siamo convinti che il rammendo della città sia proprio l’indicatore principale del successo di un’esperienza amministrativa, nonché della qualità della città, dei cittadini e degli ospiti. Sistemati i Rom, il campo è rimasto privo delle necessarie bonifiche.

Mentre altre città sperimentano politiche fortemente innovative, arrivando perfino a realizzare contratti di baratto, i nostri hanno utilizzato politiche tradizionali, con le consuete lungaggini ed inefficienza che conosciamo da anni e non con azioni coraggiose e partecipate, come era stato promesso e come era necessario fare. Non solo buche e marciapiedi sberciati, ma erbacce infestanti, scarabocchi murali, facciate scrostate, imperversano ovunque. E mondezza. Per la quale era assolutamente necessario evitare i tempi lunghi dell’appalto. E, accanto all’appalto, prevedere azioni integrate capaci di coinvolgere la città. Perché non bisogna dimenticare che alla fine (e anche all’inizio dell’anno) Alghero siamo noi.

*delegato regionale Legambiente
17:10
Parteciperanno oltre 300 studenti che accompagneranno i visitatori in luoghi, mostre e manifestazioni che si svolgeranno sabato 25 e domenica 26 marzo
11:39
«Migliore qualità dei dati e riduzione dei tempi», auspica l´assessore regionale della Difesa dell´Ambiente Donatella Spano, al termine della sperimentazione, durata due anni, del Modulo osservatorio rifiuti urbani
21/3/2017
L’associazione culturale “Nuovi Orizzonti per Castelsardo" ha organizzato una conferenza sui villaggi abbandonati in Anglona, i casi di Castelsardo, Nulvi, Chiaramonti, Martis
7:01
L’Amministrazione regionale assicura un contributo forfetario annuo di 5mila euro per ciascuna Compagnia e di 300 euro per barracello, per le spese generali, l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, l’equipaggiamento e le attrezzature
21/3/2017
Le segreterie territoriali Fp Cgil e Fit Cisl sospendono le due giornate di sciopero proclamate per i giorni venerdì 24 e sabato 25 marzo con riserva di eventuale successiva riattivazione della protesta. In seguito alla decisione delle organizzazioni sindacali nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25 marzo sarà garantito il regolare svolgimento della raccolta
20/3/2017
Dopo Wwf e Lipu, anche Gruppo d´Intevento Giuridico interviene sui lavori in corso nel promontorio algherese. L’associazione ecologista ha inoltrato una richiesta di informazioni ambientali anche alla Commissione Europea
21/3/2017
Iniziative in programma da oggi a domenica. Sabato 25 pomeriggio interamente dedicato ai bambini con spettacoli, giochi e intrattenimento sul tema dell´acqua
20/3/2017
A lanciare l’affondo contro il primo cittadino di Sassari è Alessio Paganini, coordinatore sassarese di Italia Attiva Sardegna. L’oggetto del contendere è il Centro intermodale di via XXV aprile
20/3/2017
La conferenza di servizi ha approvato nei giorni scorsi l´analisi di rischio elaborate dopo i lavori di caratterizzazione conclusi a luglio. Ora la gara per l´assegnazione della progettazione delle bonifiche
© 2000-2017 Mediatica sas