Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaSicurezza › Emergenza migranti: Forza Italia compatta
A.B. 9 gennaio 2016
«Basta sbarchi in Sardegna. Modello accoglienza ha fallito», dichiara la vicecapogruppo in Consiglio Regionale Alessandra Zedda. «No all´abrogazione del reato di clandestinità», rilancia il coordinatore regionale Ugo Cappellacci
Emergenza migranti: Forza Italia compatta


CAGLIARI - «Altro che tavoli, altro che subire passivamente le decisioni unilaterali del Governo. Pigliaru si opponga a nuovi sbarchi di migranti in Sardegna. La perfetta macchina dell'accoglienza decantata dalla Giunta Regionale fa acqua da tutte le parti, con i migranti che sono i primi a protestare e le comunità locali lasciate sole, col solo aiuto delle Forze dell'ordine e dei volontari, a fronteggiare la situazione. Ogni giorno leggiamo di strutture turistiche utilizzate impropriamente, di tensioni, di migliaia di migranti di cui, dopo lo sbarco, come documentato dalla stampa regionale, si perde ogni traccia con buona pace delle esigenze di sicurezza nazionale. Perse le tracce anche del presidente Pigliaru che, dopo la passerella al porto canale insieme al compagno Soru si è dato alla latitanza irresponsabile», dichiara la vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Alessandra Zedda.

«Doveva incontrare il Governo, ma si è fatto rinviare di due settimane per un aggiornamento e nel frattempo sono trascorsi mesi. Intanto nessuno garantisce mezzi e soldi per affrontare un fenomeno che assume proporzioni sempre più preoccupanti. L'immigrazione incontrollata non è la soluzione, con buona pace della retorica buonista ipocrita, della falsa accoglienza e dell'idea folle e disumana, verso il popolo sardo, di accogliere i migranti per rimediare alla bassa natalità. Come se fosse possibile sostituire un popolo con un altro. Prima chiude il baraccone della finta accoglienza in Sardegna - ha concluso Zedda - meglio sarà per tutti, migranti inclusi».

«Un’idea sbagliata, nel momento sbagliato». Così, Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, commenta l’intenzione del Governo di abrogare il reato di clandestinità. «A pochi giorni dai fatti di Colonia – prosegue - l’abrogazione del reato di clandestinità non solo sarebbe sbagliata in sé, ma anche e soprattutto per il pessimo messaggio da parte di uno Stato che darebbe un segno di resa inequivocabile. Anziché dare risorse e mezzi alle forze dell’ordine, ai comuni ed ai volontari, gli unici a fronteggiare un fenomeno epocale, anziché procedere alle espulsioni laddove previste, un Governo fuori dalla realtà tenta di eliminare l’ultimo baluardo giuridico rimasto nel nostro ordinamento. Senza razionalità, senza controlli, senza mezzi, senza sicurezza, non esiste accoglienza e il fine umanitario viene tradito. C’è solo l’anarchia e la legge del più forte. Il Governo non può abbandonare vigliaccamente le comunità locali, lasciando sindaci e cittadini a fare i conti con una questione di proporzioni internazionali».
16:06
E’ sotto gli occhi di tutti che si è di fatto tollerato l’utilizzo della piazza per sopperire a questa mancanza, lasciando l’assoluta discrezionalità ai centauri di scegliere dove posizionare la propria moto e, cosa ancor più grave, si è permesso che moto e biciclette possano sfrecciare sul suolo che dovrebbe essere riservato ai passanti, creando non pochi pericoli per gli stessi
© 2000-2017 Mediatica sas