Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Palmavera: c´è l´acquisto, per Pais uno «scandalo»
M.V. 16 gennaio 2016
L´operazione è inserita nel bilancio 2016-2018 della Fondazione Meta e ha ottenuto tutti i visti di regolarità tecnica. Michele Pais parla di «procedura scorretta che si inserisce in una illegittima»
Palmavera: c´è l´acquisto, per Pais uno «scandalo»


ALGHERO - Via libera da parte della Giunta comunale di Alghero all'acquisizione da parte della Fondazione Meta di un terreno adiacente al villaggio nuragico di Palmavera da utilizzare per servizi e parcheggio. L'operazione è inserita nel bilancio 2016-2018 della Fondazione e ha ottenuto tutti i visti di regolarità tecnica dei dirigenti Mulas, Masia, Satta, del segretario Canessa e del sindaco Bruno. Grazie all’operazione messa a segno dalla Fondazione, il sito del Nuraghe Palmavera disporrà di un’area limitrofa di cinque ettari e mezzo in cui realizzare tutta quella serie di servizi destinati a moltiplicare gli accessi che quest’anno hanno toccato quota 22mila (secondo sito in Sardegna più visitato dopo Barumini), pur nella situazione di difficoltà causata dalla mancanza di parcheggi e di aree di accesso.

L'operazione fortemente voluta dall'assessorato alla Cultura, certamente condivisibile e apprezzabile perchè potenzialmente in grado di colmare un handicap storico e risolvere i pericoli di sicurezza connessi con gli accessi al villaggio archeologico, avava visto nei mesi scorsi la forte opposizione di alcuni esponenti politici che ne contestavano la procedura. A firmare nel novembre 2015 una pubblica diffida indirizzata ai vertici della Fondazione Meta, presidente Pietro Alfonso, consiglio d'amministrazione e collegio sindacale, i consiglieri comunali Maurizio Pirisi, Nunzio Camerada e Michele Pais (Forza Italia), Emiliano Piras e Maria Grazia Salaris (Ncd), e i coordinatori di Psd'Az e Fratelli d'Italia, Giuliano Tavera e Gianfranco Langella [LEGGI].

L'operazione, così come concepita, non piace al consigliere comunale di Forza Italia, Michele Pais, che parla senza mezzi termini di «procedura scorretta che si inserisce in una illegittima» (acquisto previsto nel Dup recentemente approvato in Consiglio comunale). «Un insulto ai principi di trasparenza e di corretta amministrazione che dovrebbero informare la corretta gestione della cosa pubblica. Dov'è il rispetto delle procedure di legge, non solo formalisticamente inteso, dov'è il coinvolgimento del consiglio comunale, come'è possibile piegare in questo modo le norme che regolano i più elementari principi della contabilità pubblica» si domanda Pais. «Come consigliere comunale, ma anche come cittadino - conlude il leader dell'opposizione - mi sento profondamente oltraggiato da tale modo disinvolto del Sindaco di amministrare il bene pubblico, profondamente irrispettoso del ruolo che gli è stato affidato dai Cittadini».

Nella foto: il villaggio nuragico di Palmavera di Alghero
17:47
E se il travolgente “no“ della Sardegna somigliasse al voto per Trump dell’America profonda? Il voto di pancia chiesto da Grillo invece che il voto di testa chiesto da Renzi. E fra i commentatori più o meno interessati comincia a farsi strada l’idea che il risultato del referendum contenga anche un giudizio contro la giunta di Francesco Pigliaru. Ma si tratta di una falsa prospettiva: in realtà sono stati troppi, con il senno di poi, i passi falsi della strategia di Renzi che hanno portato alla sconfitta del “si”. Proviamo a ragionare senza preconcetti…
19:43
Lo ha dichiarato il senatore sardo Luciano Uras del Gruppo Misto commentando il tentato femminicidio che si è consumato poche ore fa, questa volta in Sardegna, a Tempio Pausania
5/12/2016
Segue la provincia di Nuoro, con il 71,25%, mentre in provincia di Sassari il No si è attestato sul 69,38%. L´affluenza in Sardegna è stata del 62,45%
© 2000-2016 Mediatica sas