Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSaluteSanità › Nido chiuso, 338 parti nel 2015 ad Alghero
Sara Alivesi 21 gennaio 2016
Promesse non mantenute poichè il cantiere è ancora aperto: l'ala destinata ad Ostetricia è quasi finita e mancano sostanzialmente gli arredi e qualche ritocco qua e là. Nel Nido, invece, si è ancora in alto mare e tutto procede a corrente alternata. Meno 20 nascite nel 2015
Nido chiuso, 338 parti nel 2015 ad Alghero


ALGHERO - Il Nido di Alghero resta chiuso. Sono passati tre anni, e poi ancora quattro mesi dalle rassicurazioni dell'Asl di Sassari che annunciava sul Quotidiano di Alghero la fine dei lavori in autunno [LEGGI]. Promesse non mantenute poichè il cantiere è ancora aperto: l'ala destinata ad Ostetricia è quasi finita e mancano sostanzialmente gli arredi e qualche ritocco qua e là. Nel Nido, invece, si è ancora in alto mare e tutto procede a corrente alternata.

I nascituri non hanno un posto in cui possono essere guardati e presentati alle famiglie. Sono chiusi in una stanza accessibile solo al personale sanitario: un handicap non indifferente per un reparto che anche quest'anno registra un calo delle nascite. Sono 338 i nati nel 2015, 20 in meno rispetto all'anno precedente e 60 in meno rispetto a due anni fa. La contrazione ancora non incide tenendo conto del piano del Ministero di chiudere i centri in Italia al di sotto dei 500 parti, ma il pericolo è in agguato per Alghero.

Il reparto, con un ampio bacino di utenza e la stimata squadra guidata dal primario Giovanni Urru, ha i numeri per aspirare a quella soglia. Ma serve una struttura diversa: sono solo 14 i letti disponibili, divisi in due stanze da sei. Pochi spazi a disposizione delle donne ricoverate, senza contare le culle con i piccoli. Se per coincidenza partoriscono più persone al giorno, diventa un delirio come è successo lo scorso 29 dicembre con quattro nascite una dietro l'altra. Si parla da tempo di un centro per il parto analgesia: quello più vicino è a Sassari, ma solo a pagamento.
20/1/2017
I consiglieri regionali Daniela Forma, prima firmataria, Moriconi, Cozzolino, Deriu, Piscedda e Solinas hanno presentato un´interrogazione urgente all’assessore della Sanità Luigi Arru per avere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione della normativa sul modello ordinario di gestione delle aree socio sanitarie locali create con la riforma che ha introdotto l’Azienda unica Ats
17:48
Corso pratico di counselling “Allattamento al seno: Formazione formatori”, si terrà da lunedì 23 a venerdì 27 gennaio presso la sala convegni dell´Ospedale Santissima Annunziata
© 2000-2017 Mediatica sas