Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniPoliticaL´ex Caserma per tutti e non solo per i Devoti
Pietro Serra 22 gennaio 2016
L'opinione di Pietro Serra
L´ex Caserma per tutti e non solo per i Devoti


Legalità, giustizia, solidarietà, trasparenza, condivisione e tante altre belle parole che, solitamente, riempiono le campagne elettorali della sinistra. Anche Alghero, dopo anni di buon governo di Centro-destra, ha dovuto fare i conti con questa nefasta esperienza. Da Lubrano fino ad oggi con Bruno (che tra l'altro aveva scelto anche lo stesso Lubrano), la Riviera del Corallo si trova in uno stato comatoso che però ha degli eccessi, in negativo, che non posso non denunciare. Uno su tutti è l'occupazione dell'ex-caserma dei Carabinieri in via Simon.

Qui già dal maggio 2014 si sono insediate delle persone in un primo momento pare fossero ospiti della Facoltà di Architettura da cui, come avrebbe affermato qualcuno dei protagonisti, sono state ottenute le chiavi. Inizialmente l’amministrazione era in disaccordo sulla loro occupazione, ma successivamente avrebbe “concesso” l’uso dello spazio. Documentazione che, ancora oggi, nonostante una denuncia alla Procura della Repubblica con oggetto l'amministrazione e gli occupanti, non risulterebbe. Ma al netto di questi importanti aspetti, c'è il dato politico. Come dicevo la sinistra si riempie sempre di belle parole salvo poi, una volta al potere, pensare esclusivamente ai proprio devoti. Del resto il Devoto per eccellenza dell'attuale fallimentare amministrazione è alla guida di questo gruppetto di nostalgici della Falce e Martello.

E' sotto gli occhi di tutti che ad Alghero manchino spazi di aggregazione sociale, ma l'attuale amministrazione fallimentare invece di premiare i compagni dovrebbe permettere a tutti di avere pari possibilità e dignità e non solo ai devoti. Pensiamo alle tante associazioni che operano del sociale e che non hanno la fortuna di avere una sede da 4 milioni di euro nel pieno centro di Alghero. Se per queste persone le parole avessero un valore lascerebbero subito quegli spazi e lotterebbero affinchè tutti possano avere un identico trattamento e non una divisione tra compagni devoti e il resto della città. Ma, pensiamo che questo moto d'orgoglio non arriverà, e allora ci penserà la storia a riportare nell'oblio queste sinistre persone. L'ex Caserma per tutti e non solo per i Devoti

*Per Alternativa Futura per l'Italia
11:15
L´ex sindaco Carlo Sechi parla di «fallimento della missione» per la Fondazione (e la Secal) e ne chiede pubblicamente la «liquidazione». Il gruppo consigliare di Forza Italia (che Meta e Secal le hanno create con Tedde sindaco) difendono le scelte del passato e attaccano
23/5/2016
L´ex sindaco, leader del movimento di sinistra Sardenya I Llibertat chiede al Primo cittadino lo scioglimento della Fondazione che si occupa della gestione degli eventi turistici e culturali ad Alghero. Parole durissime sui conti, l´amministrazione e i risultati
16:27
Al netto della fuffa mediatica, Pigliaru si comporta come un commissario liquidatore del Nord Sardegna, in nome e per conto del Governo, trattando metà dell’isola come se fosse una sorta di bad company da sacrificare a beneficio di altri territori
10:47
I sindaci della Rete metropolitana, che ben si sono guardati a febbraio dall’erigere barricate contro la presa in giro della Rete per consiglieri riottosi, litigano per percentuali di gestione del nulla e si comportano come quella guardia giurata della famosa barzelletta che faceva la guardia al “cassonetto della spazzatura”
23/5/2016
«Al di la delle dichiarazioni trionfalistiche circa l’approvazione del Bilancio di previsione 2016, la realtà dei fatti evidenzia tutta un’altra storia che racconta del pressapochismo e della inadeguatezza di questa Amministrazione comunale, che non manca occasione per darne ampia prova», attacca il consigliere forzista
23/5/2016
Sabato 28 maggio, dalle ore 11 alle ore 18.40, e domenica 29, dalle ore 10.30 alle ore 18.50, sarà possibile conoscere gli interni di quella che fu una delle prime grandi fabbriche della Sardegna
23/5/2016
Nel corso della giornata, il Presidente e gli assessori saranno impegnati in una serie di incontri con i rappresentanti istituzionali e di categoria nel territorio. Firma dell´Iti
© 2000-2016 Mediatica sas