Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaOpinioniAmbienteSui rifiuti in Regione vince l´ambiguità
Attilio Dedoni 23 gennaio 2016
L'opinione di Attilio Dedoni
Sui rifiuti in Regione vince l´ambiguità


Le rassicurazioni dell’assessore Spano sul ‘decreto termovalorizzatori’ sono quanto di meno rassicurante i sardi potessero aspettarsi. La Regione Sardegna ha dato via libera al provvedimento che prevede la realizzazione di un terzo inceneritore nell’Isola, pur presentando un emendamento nel quale si chiede di inserire i nuovi impianti nei piani regionali per la gestione dei rifiuti in via di revisione. Considerato che la proposta proviene dalla stessa Giunta regionale che ha dato via libera, finanziandolo con 20 milioni di euro, al raddoppio dell’inceneritore di Tossilo, c’è davvero poco per cui sentirsi rassicurati.

Ancora una volta, in materia di rifiuti, la Giunta mostra un atteggiamento ambiguo. Quando si è trattato di decidere per il ‘revamping’ di Tossilo, è andata avanti come un rullo compressore, senza aspettare di concludere l’iter di revisione del Piano per la gestione dei rifiuti e passando con disinvoltura sopra la contrarietà della popolazione, in aperto contrasto con il pronunciamento unanime del Consiglio e quindi della sua stessa maggioranza. Davanti alla prospettiva di un nuovo impianto a Porto Torres, invece, vuole dare l’impressione di opporsi al Governo ‘amico’ che mira ad imporre alla Sardegna l’ennesima servitù, un’opera inutile che con ogni probabilità servirà a bruciare i rifiuti di altre regioni.

In realtà, considerato che la decisione è già presa e che sarebbero già disponibili anche i finanziamenti necessari, il passaggio della revisione del Piano servirà solo a rabbonire l’opinione pubblica, magari giustificando il nuovo termovalorizzatore con l’esaurimento delle discariche. E pazienza se la quantità di rifiuti indiffereziati prodotta in Sardegna si va sempre più riducendo, tanto che l’impianto di Macomer viaggia a un terzo della sua capacità, e se le tariffe per lo smaltimento sono alle stelle perché devono foraggiare un sistema sovradimensionato.

Su una cosa, però, l’assessore Spano ha ragione: il nuovo Piano regionale dei rifiuti rappresenta una sfida per l’esecutivo, che dovrà dimostrare se ha davvero un’anima ambientalista”, conclude il capogruppo. “Noi stiamo con l’Unione Europea, che impone la strategia ‘Rifiuti Zero’: raccolta differenziata capillare, riciclo di tutto ciò che si può riciclare, produzione di compost di qualità, azzeramento dei rifiuti indifferenziati, creazione di un sistema di gestione virtuoso in grado di autofinanziarsi e di produrre ricadute economiche positive sul tessuto locale, generando reddito e occupazione. Questa è la sfida che lanciamo in vista della revisione del Piano. Il tempo delle discariche e degli inceneritori, di chi si arricchisce con i rifiuti e con la devastazione dell’ambiente, è finito. Ci aspettiamo che anche la Giunta ne prenda atto.

*il capogruppo dei Riformatori Sardi – Liberaldemocratici in Consiglio regionale
22:55
Lunedì al Mut incontro con gli assessori regionali agli Enti locali Cristiano Erriu e ai Trasporti Massimo Deiana
2/12/2016
Lo stanziamento per Porto Torres, per la messa in sicurezza delle falesie di retrospiaggia nei litorali di Balai e Abbacurrente e l’intervento di protezione dei terreni di fondazione della Torre di Abbacurrente, è pari a 1 milione e 500 mila euro
1/12/2016 video
Questa mattina gli operai del Comune chiamati ad abbattere la parte abusiva del campo rom di Ponti Pizzinnu, scortati dagli agenti della polizia municipale coordinati dal vicecomandante Antonio Bazzoni, hanno raggiunto l´area con una ruspa
2/12/2016
Il consigliere comunale di Forza Italia Manuel Alivesi denuncia il degrado del giardino di piazza Colonna Mariana a Sassari, dopo l´intervento di riqualificazione di due anni fa
© 2000-2016 Mediatica sas