Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Mario Bruno consigliere nazionale Anci
S.A. 23 gennaio 2016
Il nuovo incarico per il sindaco di Alghero è arrivato nella seduta di sabato 22 gennaio nel Consiglio Nazionale tenutosi a Roma, in Campidoglio
Mario Bruno consigliere nazionale Anci


ALGHERO - Il sindaco di Alghero è stato nominato Consigliere Nazionale dell'Anci. Il nuovo incarico per Mario Bruno è arrivato nella seduta di sabato 22 gennaio nel Consiglio Nazionale tenutosi a Roma, in Campidoglio.

«Rappresenterò gli interessi e la volontà degli enti locali in un momento particolarmente difficile, ma affascinante, per i comuni italiani. Oggi il Presidente del Consiglio Enzo Bianco mi ha inviato la documentazione sui temi più attuali e tra questi il nuovo Isee e la legge di stabilità» il commento del Primo cittadino algherese.

Tra le proposte Anci accolte dal Governo, Bruno ricorda lo stop dei tagli ai comuni e alle città; il superamento del Patto di stabilità interno; la integrale compensazione del mancato gettito derivante dall’abrogazione del prelievo immobiliare dell’abitazione principale e dei terreni agricoli; l'esclusione dal saldo di 480 milioni per interventi di edilizia scolastica; il rifinanziamento del fondo compensativo Imu/Tasi per 390 milioni.

«Abbiamo espresso un giudizio critico sulla riduzione del turn over del personale e sul blocco dei Fondi per il trattamento economico accessorio, che rischiano di vanificare la ripresa dell’attività relativa al rinnovo contrattuale del comparto e di disincentivare le politiche di valorizzazione del merito dei dipendenti degli enti locali» ha concluso Mario Bruno.

Nella foto: Mario Bruno
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas