Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Via libera Riforma: comuni riuniti in Unioni e Reti
S.A. 27 gennaio 2016
Le Unioni di Comuni che diventano enti locali a tutti gli effetti. Servono almeno due città medie, invece, per far nascere la Rete metropolitana che deve avere una popolazione minima di 150 mila abitanti. Unico caso nell´Isola è quello di Sassari e Alghero, se decideranno di associarsi
Via libera Riforma: comuni riuniti in Unioni e Reti


CAGLIARI - Via libera dal Consiglio regionale alla riforma degli enti locali in Sardegna. Trenta giorni di discussione in Aula; 76 gli articoli approvati dalla maggioranza; 29 voti i favorevoli: i numeri della nuova organizzazione territoriale dell'isola.

Compatto il no della minoranza ma contrari anche Giuseppe Meloni del Pd e il segretario regionale di Sel Luca Pizzuto, che non ha partecipato al voto. Nasce la città metropolitana di Cagliari che ingloba 17 Comuni dell'area vasta del capoluogo sardo. Veri protagonisti della riforma saranno i Comuni che dovranno associarsi per gestire alcune funzioni fondamentali attraverso le Unioni di Comuni che diventano enti locali a tutti gli effetti. Complessivamente si stima che al momento dell'attuazione della riforma il numero delle Unioni salirà dalle attuali 34 a circa 50.

Dovranno avere una popolazione minima di 10 mila abitanti, se però all'interno si trova almeno una città media, con popolazione di oltre 30 mila abitanti, il nuovo ente potrà diventare Rete urbana. Servono almeno due città medie, invece, per far nascere la Rete metropolitana che deve avere una popolazione minima di 150 mila abitanti. Unico caso nell'Isola è quello di Sassari e Alghero, se decideranno di associarsi. Restano in piedi anche le Province, ancora previste nello Statuto sardo. In attesa della cancellazione definitiva dalla carta autonomistica e dalla Costituzione, gli enti intermedi di Cagliari (oggi chiamato Sud Sardegna per differenziarlo dalla città metropolitana di Cagliari) Nuoro, Oristano e Sassari rimangono ma vengono depotenziati nelle funzioni.
15:04
«E´ stata un´importante giornata di condivisione sulle priorità per la Sardegna», ha commentato al termine il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
14:02
Dallo spopolamento allo sviluppo possibile. «Sosteniamo la proposta di attrarre pensionati stranieri», hanno dichiarato l´assessore regionale degli Enti locali ed il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna
11/12/2017
La Giunta regionale ha approvato il Piano da 350milioni di euro. «Mai così tante risorse per progettare lo sviluppo», sottolinea l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci
11/12/2017
La Regione autonoma della Sardegna ha promosso un contest rivolto a cittadini, mondo della scuola e dell´università. «Vogliamo far crescere la cultura dei dati aperti», ha spiegato l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu
© 2000-2017 Mediatica sas