Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniPoliticaLa lenta agonia di Alghero in House
Andrea Delogu 28 gennaio 2016
L'opinione di Andrea Delogu
La lenta agonia di Alghero in House


Passano i mesi, ma la situazione di Alghero in House, la partecipata comunale che si occupa di una serie di servizi essenziali per la città, continua a rimanere in balia delle onde! Ancora non si vede luce, e preoccupa sempre di più il silenzio di Mario Bruno e del suo fido scudiero Cherchi. Il tunnel nel quale hanno infilato il destino di questa società e di oltre cinquanta lavoratori appare sempre più profondo e senza luce!! E' oramai da un anno che Bruno e Cherchi si trastullano sui media e sui social nell'illudere i lavoratori e la città che tutto andrà bene, che non si perderanno posti di lavoro, che stanno alacremente lavorando per trovare una soluzione. Sono bravissimi, anche in questo caso a distogliere l'attenzione sul problema, deviando la discussione con modalità e metodi di politica stantia.

Ma quale è invece la realtà delle cose? Che ad oggi nessun piano di salvataggio che abbia una logica è stato predisposto, non solo su documenti ufficiali, ma nemmeno nella testa di Bruno e Cherchi... e siamo oramai nel 2016... che il procedimento di licenziamento collettivo va avanti, senza raggiungere un accordo con i rappresentanti sindacali, proprio perchè non c'è un punto di partenza per avviare una trattativa. Che non vi è nessun piano alternativo, ossia, se viene meno Alghero in House chi svolgerà i servizi essenziali per la città? Forse nella mente di qualcuno c'è la voglia di sfruttare la situazione per creare clientieismo, magari con affidamenti diretti di servizi o costituzione di cooperative che possano costituire un bacino di voti? Ma non è così che si ragiona!!! Occorre una programmazione seria, occorre analizzare tutte le criticità, avere una visione d'assieme, agire su tutte le leve, normative, finanziarie e politiche per recuperare efficienza e risorse per la società partecipata ( e quindi per la città). Quest'Amministrazione è da aprile del 2015 che dice che farà modificare il regolamento sui parcheggi a pagamento, per consentire che non vi sia elusione ed evasione, come attualmente avviene e di conseguenza creare nuove risorse finanziarie, ma ad oggi di questa modifica non c'è traccia.

Così come non c'è traccia di un'analisi di efficientamento e di razionalizzazione delle spese e dei servizi, che consentirebbe, magari attrraverso una fusione con l'altra partecipata in “disgrazia”, di risparmiare una serie di costi e soprattutto di creare sinergie importanti. Quello che c'è di ancora più grave e che i nostri amministratori si sono abituati a spararle grosse anche sul piano politico e certamente non dimentichiamo le dichiarazioni di Cherchi (ultime a novembre 2015) sul fatto che sarebbe “personalmente intervenuto” in Regione con i consiglieri del suo partito per far arrivare le risorse necessarie per salvare i posti di lavoro. nei sogni forse! Sono arrivate solo briciole, del tutto insufficienti, ed anche ieri il suo partito ha perso un'ottima occasione per consentire il salvataggio delle società in house, votando contro un emendamento di Forza Italia e degli onorevoli Tedde e Peru, teso a trasferire le società in house comunali del sassarese all'interno dell'area metropolitana di Sassari, così coem avvenuto per l'In House provinciale di Cagliari, trasferita alla città metropolitana.

Il Cherchi, anche grazie all'aiuto di qualche ghost writer, aveva anche commosso, oltre che illuso, qualche lavoratore, scrivendo che lui era la loro fianco, e che avrebbe risolto tutto, e qualcuno, pochi per la verità, fino a poco tempo fa gli aveva pure creduto. Forse si è distratto, forse la crisi politica che rende lui e la sua maggioranza più fragile non gli ha permesso di concentrarsi sul problema e sulla soluzione, o forse più semplicemente lui e il sindaco e l'intera Amministrazione non sono in grado di guidare questa città, e probabilmente dovrebbero tornare a fare altro, anche perchè il credito a suo tempo concesso dai cittadini è scaduto e gli algheresi ogni giorno che passa si rendono conto dell’inadeguatezza (Politica, lor signori non si offendano) di chi oggi li mal amministra.

* portavoce di Forza Italia
Andrea Delogu
8:35
E’ noto infatti che, pur essendo quest’ultima una società sana e con i conti in regola, la Giunta in carica, dovendo portare a compimento un “regolamento di conti” non finanziari ma legato a guerre politiche interne alla maggioranza, decide di far “saltare per aria” la Secal
11:17
La frenesia di chiudere l’argomento in tempi troppo rapidi e senza far tesoro delle eccezioni e delle riflessioni suggerite praticamente da tutte le forze esterne alla Maggioranza, dentro e fuori il Consiglio Comunale, fa sorgere il sospetto che il sindaco e la sua Maggioranza, non riuscendo a dimostrare a convenienza della proposta, stiano perseguendo obiettivi diversi da quelli che vanno sbandierando. E forse ne sapremo di più quando sapremo a chi sarà affidato il servizio di riscossione esterno dei tributi algheresi
26/7/2016
Così il Psd´Az, Ncd e Patto Civico ironizzano sulla recente nomina di Raniero Selva nella giunta comunale algherese guidata da Mario Bruno
8:32
Il premier dovrebbe fare due tappe, una in Prefettura l´altra all´Università. Il Patto per la Sardegna, tra continuità territoriale aerea, treni ed energia, vale circa 2,5 miliardi di euro
27/7/2016
Così il gruppo consiliare di Forza Italia annuncia una mozione sulla questione: ossia tenere conto dei componenti familiari per garantire l’equità dell’imposizione fiscale e per consentire l’utilizzo di incentivi tributari
26/7/2016
Negli anni passati Unidos Olbia ha portato avanti numerose iniziative politiche tese a contrastare i progetti dell´Amministrazione comunale di Olbia in materia di difesa idraulica del territorio e di pianificazione territoriale
26/7/2016
Ok Sean, ora che mi sono liberato della delega ai Servizi Sociali posso dedicare più tempo al tuo ruolo. Ma, ben intesi, tu limitati alle uscite pubbliche, non aprire bocca e smettila una volta per tutte con quei cazzo di video su Facebook
26/7/2016
Al museo della Tonnara nei giorni scorsi una tavola rotonda sulle tematiche dello sviluppo locale. E´ stata un´occasione per mettere attorno al tavolo quattro regioni, Sardegna, Corsica, Catalogna e Isole Baleari, accomunate da problematiche simili
© 2000-2016 Mediatica sas