Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniPolitica Per In House fuori i pindacci ad Alghero
Gianni Cherchi 2 febbraio 2016
L'opinione di Gianni Cherchi
Per In House fuori i pindacci ad Alghero


Pur ritenendo giusto e normale che il portavoce di un Partito all’Opposizione critichi l’operato della Maggioranza, su una questione importante per la Città ed i lavoratori, ritengo scorretto e volgare insultare un avversario politico definendolo “scudiero del Sindaco” o di chiunque altro, dando a questo termine una accezione pesantemente negativa. Per questo, pur non essendo nelle mie corde e violentando la mia educazione, sono costretto, mio malgrado, a utilizzare nella risposta il medesimo tono.

In particolare, sulla paventata agonia di In House, vaticinata dal Delogu, mi preme rilevare che abbiamo fatto e faremo tutto quello che è umanamente possibile per scongiurarla, anche per evitare che “il menagramo” in questione possa essere additato come “pindaccio”. Sono attualmente al vaglio dell’Amministrazione comunale tutta una serie di ipotesi per dare risposte concrete che tendono a risolvere strutturalmente i problemi occupazionali dell’In House.

Per quanto riguarda la definizione affibbiatami dal “gufo” di cui sopra, ovvero di “fido scudiero”, gli ricordo che come lui è certamente un famoso commercialista balzato agli onori della cronaca, anche la mia professione è un’altra. Quindi non è certamente un “cozzone” (sensale di cavalli) e neppure un palafreniere, sempre per rimanere nel mondo dell’ippica.

*Assessore dei Lavori Pubblici nel Comune di Alghero
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas