Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroEconomiaTurismo › Ryanair, Federalberghi: «mercato dopato»
S.A. 4 febbraio 2016
Secondo il presidente regionale, Paolo Manca, «non si poteva pensare solo di dopare il mercato senza programmare azioni per il territorio e rendere attrattiva la destinazione Sardegna. I vettori aerei portano i turisti dove il territorio è maggiormente organizzato e dove c´è più richiesta»
Ryanair, Federalberghi: «mercato dopato»


ALGHERO - Federalberghi Sardegna esprime «preoccupazione» per l'abbandono di Ryanair da Alghero e ritiene che tra le cause di quanto sta accadendo vadano ricercate anche «nella mancata programmazione nel settore turistico». Secondo il presidente regionale, Paolo Manca, «non si poteva pensare solo di dopare il mercato senza programmare azioni per il territorio e rendere attrattiva la destinazione Sardegna. I vettori aerei portano i turisti dove il territorio è maggiormente organizzato e dove c'è più richiesta».

«Crediamo che serva un immediato coordinamento, del presidente e gli assessori competenti (turismo e trasporti) con la partecipazione degli imprenditori, per iniziare a lavorare in funzione del sistema di accesso all'Isola, un tema che riguarda non solo il settore turistico ma che dà anche grandi vantaggi ai cittadini che si spostano tra la Sardegna e la Penisola per altri motivi».

«Riteniamo infine che la criticità del momento possa diventare una occasione per dare finalmente corpo ad un sistema aeroportuale regionale che – conclude Manca - in coordinamento gli operatori del turismo, sappia confrontarsi con i vettori aerei disponendo di una adeguata forza contrattuale, evitando la concorrenza fra aeroporti che abbiamo dovuto rilevare in questi anni e che ha penalizzato il nostro sistema turistico e dell'accoglienza».
18:26
L’incontro sulla Legge agriturismo, in programma domani a Cabras ed organizzato dalla Coldiretti Oristano, è stato rinviato a data da destinarsi
28/9/2016
«Numeri impietosi denunciano un calo di arrivi e presenze, in controtendenza rispetto al resto della Sardegna, che cresce a due cifre, e costituiscono la base dalla quale partire per scongiurare che questa situazione si riproponga negli anni a venire», dichiara Marco Di Gangi
© 2000-2016 Mediatica sas