Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Psd'Az e Ncd ancora all'attacco ad Alghero
Red 8 febbraio 2016
La manifestazione del centrodestra organizzata sabato a sostegno dell'aeroporto di Alghero e della Ryanair diventa nuovo terreno di scontro politico
Psd'Az e Ncd ancora all'attacco ad Alghero


ALGHERO - La manifestazione del centrodestra organizzata sabato a sostegno dell'aeroporto di Alghero e della Ryanair, come prevedibile, diventa nuovo terreno di scontro politico. Così all'accusa «di voler strumentalizzare e dividere il territorio in continua ricerca di visibilità con una passeggiata inutile» lanciata dai Democratici per Alghero [LEGGI], Nuovo Centro Destra e Psd'Az non perdono l'occasione per replicare. Per Salaris e alleati si tratterebbe solo di «dichiarazioni assolutamente inopportune, fumose ma soprattutto inutili e fuori contesto. In questo caso il silenzio, oltre che evitare ai tre fuoriusciti della lista Bruno una brutta figura, sarebbe stato d'oro».

L'attenzione di Psd'Az e Ncd si sposta infine sul Sindaco, con la nuova richiesta di dimissioni: «Dopo l'annuncio di Ryanair di voler cancellare Alghero dalle sue rotte ci saremmo aspettati una convocazione urgente del consiglio comunale per valutare tutti insieme le possibili strategie da mettere in campo in un momento di criticità così elevato». «Purtroppo - sottolineano - il consiglio comunale viene utilizzato oramai solo in via marginale e a seconda della disponibilità di un consigliere comunale di maggioranza».

Per Tore Pintus e alleati «Mario Bruno, in veste di podestà, potrebbe chiedere una deroga e in dispregio delle più elementari regole di democrazia abolire il consiglio comunale perché il luogo democratico, deputato a rappresentare l'intera comunità, cioè il consiglio comunale, per Bruno & C rappresenta uno scoglio insormontabile considerato che non ha più i numeri per governare la città». Così Emiliano Piras e compagni auspicano «che le dimissioni del sindaco Bruno e della sua "minoranza" siano un atto conseguente e responsabile rispetto alla paralisi della città e che si restituisca la parola agli algheresi».

Ncd e Psd'Az infine giudicano «valida la proposta del gruppo di Forza Italia, peraltro già proposta da Mario Conoci, già assessore al turismo, di utilizzare le risorse della tassa di soggiorno per destinarle alla Sogeaal come contributo per la firma dei contratti low cost», «anche se siamo consapevoli che l'ordine del giorno depositato agli atti del consiglio non vedrà discussione perché il consiglio comunale di Alghero non verrà convocato per lunghi periodi» concludono i rappresentanti dei due partiti di opposizione.

Nella foto: Tore Pintus (Psd'Az) e Maria Grazia Salaris (Ncd) in piazza ad Alghero
9/12/2016
Una sentenza della Corte dei Conti ha riacceso lo scontro politico a Villanova Monteleone. Dopo gli attacchi del gruppo di opposizione Per Villanova, la replica del sindaco Quirico Meloni
7/12/2016
All´assessore Lampis va tutta la nostra solidarietà e vicinanza, un grazie sentito per aver fatto proprio un nostro disagio e, con grande convinzione personale e politica, portato a termine il progetto del Marchio
7/12/2016
Il Gruppo Consiliare di opposizione chiede le dimissioni di Quirico Meloni da primo cittadino del Comune di Villanova Monteleone «a seguito della condanna da parte della Corte dei Conti»
9/12/2016
Non stiamo qui a spendere parole di solidarietà a difesa dell’ennesimo assessore defenestrato dal sindaco Bruno e dalla sua variegata maggioranza, abbiamo sempre criticato la Lampis, disapprovando il suo operato ed evidenziando più volte i danni creati al settore produttivo della città, a partire dall’assurdo regolamento sui suoli pubblici
9/12/2016
Gli esponenti del centrosinistra che oggi hanno fretta di ripristinare gli enti intermedi farebbero meglio a interrogarsi sul perché tre quarti dei sardi hanno bocciato sonoramente una riforma che, se approvata, avrebbe rafforzato enormemente l’asse Renzi-Pigliaru
9/12/2016
Il presidente regionale Mirko Murgia prende posizione sulla situazione di incertezza in cui è precipitata la politica regionale dopo l’esito del referendum costituzionale di domenica scorsa.
7/12/2016
La nota a firma di alcuni esponenti politici algheresi sull´esito del voto al Referendum costituzionale del 4 dicembre in cui ha prevalso il No, e l´analisi rispetto alla situazione amministrativa cittadina
© 2000-2016 Mediatica sas