Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroEconomiaAeroporto › Alghero: Venerdì sciopero in aeroporto
S.A. 8 febbraio 2016 video
Dal Presidente Pigliaru arriva il plauso al lavoro portato avanti in questi difficili mesi in Sogeaal da Peranda & C. ma i sindacati attaccano: «hanno fallito». Confermato lo sciopero dei lavoratori nella giornata di venerdì
Alghero: Venerdì sciopero in aeroporto


ALGHERO - Il mese di febbraio sarà decisivo per capire le reali intenzioni Ryanair e la strategia per il 2016 sull'aeroporto di Alghero dopo il doppio taglio sulla programmazione estiva e autunnale [LEGGI]. Così come sarà determinante per scorgere la strada che imboccherà la Sogeaal, la società di gestione dello scalo algherese in cerca di partner privati (le offerte per la privatizzazione sono rimandate al 30 marzo). Nel frattempo la Regione ricapitalizza il bilancio e attende entro marzo il pronunciamento dell'Ue sull'indagine sui presunti aiuti di stato. Una procedura che dovrebbe concludersi positivamente, secondo le indiscrezioni che circolano in Regione. Notizie positive insomma, accolte con favore anche dai sindacati che per bocca di Arnaldo Boeddu (Filt Cgil) ringraziano il Presidente Pigliaru e l'assessore ai Traposti Deiana.

«Ma il presidio continua» sottolineano i lavoratori in picchetto permanente in aeroporto. Per i rappresentanti dei lavoratori le maggiori responsabilità per l'attuale stato di precarietà della Sogeaal sono in capo al management. Così il sostegno incassato da Peralda & C. in occasione dell'assemblea degli azionisti da Francesco Pigliaru, che ha parlato «di un grande lavoro compiuto anche in questi giorni dal direttore con interlocuzioni aperte con tutti i vettori europei» non piacciono a Boeddu. «Questo gruppo dirigente ha fallito - tuona - non lo dicono le organizzazioni sindacali ma i dati di bilancio, devono andare a casa perchè servono manager all'altezza della situazione».

Intanto, questa mattina (lunedì), si è tenuto un incontro in Prefettura, dove è stata confermata la grande distanza fra Sindacati ed Azienda, rappresentata dal direttore Peralda, che non ha smentito le parole della proprietà su privatizzazione, presenza Ryanair e programmazione 2016. Inoltre, stando a quanto spiegato dai sindacati, non avrebbe dato nessun'altra informativa nuova e soddisfacente. «In Prefettura si è assistito alla consueta difesa autoassolutoria dell'operato del Management, a un atto di accusa nei confronti delle Rappresentanze Sindacali Aziendali, evidentemente non gradite, a cui i sindacati hanno invece ribattuto rimarcando l'esistenza di una gestione delle relazioni industriali di Sogeaal più che mai discutibile. La riunione si è chiusa con un nulla di fatto».

Nell'occasione, è stato confermato lo sciopero di venerdì 12 febbraio, «a causa della lamentata situazione aziendale non serena, frutto di comportamenti di Sogeaal e delle premialità da questa operate, incomprensibili o comunque del tutto arbitrarie. In questo contesto i Sindacati evidenziano che in occasione dello sciopero e malgrado rigide disposizioni di legge, oltre a ridondanti informative e sollecitazioni inoltrate costantemente e per tempo sia all'Azienda che a tutti Enti Monitori, non sono state definite le squadre di servizio minimo: operazione obbligatoria a cura dell'Azienda che andava fatta almeno cinque giorni prima rispetto alla data del 12 febbraio (quest'ultima da escludersi sempre in virtù di dette norme). Senza questi contingentamenti, il rischio della sospensione di servizi pubblici è concreto, ma esclusivamente per negligenze gestionali che certamente esulano sia la volontà delle Organizzazioni promotrici e dei lavoratori. Gli scaduti Termini non hanno permesso la definizione di dette liste, che di conseguenza non potrebbe avvenire: per l'utenza, a questo punto, il 12 febbraio rischia di tradursi nella negazione del proprio diritto di viaggiare, malgrado la ponderata e deliberata scelta sindacale di un'astensione simbolica dei lavoratori dalle ore 12 alle 16, durante un periodo di minima attività, a sottolineare che ne i sindacati ne i lavoratori vogliono penalizzare l'utente finale. Ora qualcuno vorrebbe procedere fuori dai termini di legge contingentando comunque il personale sulla base di fantasiose e infondate interpretazioni delle leggi e delle regolamentazioni anziché attenersi ad applicarle, a dimostrazione che la legge è uguale per tutti - concludono i rappresentanti sindacali - ma per alcuni è più uguale di altri».

prima pubblicazione, ore 10

10:15
I dati dei primi sei mesi sono impietosi. Col trend nazionale che viaggia sul +4,3% di passeggeri, l´aeroporto di Alghero riesce a perdere il 18,4% di transiti da gennaio a giugno
10:10
L'associazione a difesa dei consumatori si sofferma sulla grave situazione dello scalo algherese alla prese con uan consistente perdita dei passeggeri dopo la dipartita di Ryanair e chiedono un rinvio della procedura di privatizzazione
17:23
La compagnia aerea avrà 16 destinazioni servite tra cui Napoli due volte al giorno, Lamezia, Bari, Alghero e da ottobre anche Pescara
22/8/2016
Con la chiusura di Alghero sempre confermata per il 1 novembre, si aprirebbero nuovi e importanti spazi di manovra. La sindaca del Movimento 5 Stelle punta alla conquista della base Ryanair nello scalo di Torino
22/8/2016
Come Riformatori Sardi ci esprimiamo, come coerentemente ci siamo sempre espressi, a favore della privatizzazione della SoGeAAl, in quanto riteniamo sia proprio questo l’unico modo che possa concretamente creare le condizioni per una gestione efficace, responsabile ed economicamente sostenibile dell´aeroporto
23/8/2016
Il velivolo, con 97 passeggeri, era diretto ad Olbia. Lo scalo è stato chiuso per circa mezz´ora
© 2000-2016 Mediatica sas