Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloTeatro › Olimpiadi del 1936: lo spettacolo ad Alghero
S.A. 10 febbraio 2016
Federico Buffa, noto telecronista sportivo, per vent´anni icona di Sky Italia e apprezzato story-teller racconta l´undicesima edizione dei giochi olimpici
Olimpiadi del 1936: lo spettacolo ad Alghero


ALGHERO - Viaggio nella Storia, con “Le Olimpiadi del 1936”: Federico Buffa, noto telecronista sportivo, per vent'anni icona di Sky Italia e apprezzato story-teller racconta l'undicesima edizione dei giochi olimpici, grandiosa (auto)celebrazione dei fasti della Germania nazista sotto gli occhi del mondo, incrinata però dalla vittoria di Jesse Owens, clamorosa – ed emblematica – smentita della teoria della presunta superiorità della “razza ariana”.

Tra parole e note, visioni ed emozioni, lo spettacolo (ispirato al romanzo “L'ultima estate di Berlino” dello stesso Buffa e di Paolo Frusca) sarà in cartellone domenica 14 febbraio alle 21 all'Auditorium Conmunale di Arzachena e lunedì 15 febbraio sempre alle 21 al Teatro Civico di Alghero – sotto le insegne del CeDAC, per la stagione de La Grande Prosa nell'ambito del Circuito Multidisciplinare della Sardegna.

Affresco di un'epoca, tra le straordinarie immagini di Leni Riefenstahl e la realtà tedesca dopo l'avvento del terzo Reich: nella sua cronaca de “Le Olimpiadi del 1936” - sulla colonna sonora curata da Alessandro Nidi - Federico Buffa dà voce al dramma privato e ai pensieri di Wolfgang Fürstner, dapprima ai vertici dell'organizzazione dei giochi, poi messo in ombra a causa delle sue origini ebraiche, testimone di una pagina significativa del Novecento, fra tensione agonistica e vittorie degli atleti e lo smascheramento della macchina di morte creata dal regime, come folle e feroce distopia.
28/4/2016
Domani, il Liceo Classico, Musicale e Coreutico Azuni, in occasione dei quattrocento anni dalla morte di William Shakespeare, mette in scena la piece, con il sostegno della Fondazione di Sardegna ed il patrocinio del Comune di Sassari
© 2000-2016 Mediatica sas