Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAeroporto › I Riformatori puntano Sogeaal: «pessima gestione»
A.B. 17 febbraio 2016
«E´ un elemento fondamentale di sviluppo economico del nord ovest della Sardegna», hanno dichiarato nella conferenza stampa tenuta questa mattina. Tre i punti base: privatizzazione dello scalo, collaborazione tra i tre aeroporti isolani e continuità territoriale
I Riformatori puntano Sogeaal: «pessima gestione»


ALGHERO – Questa mattina (mercoledì), i Riformatori Sardi hanno tenuto una conferenza stampa all'ingresso dell'aeroporto di Alghero. “Privatizzazione dell´Aeroporto di Alghero subito!” era il titolo dell'incontro, che ha visto la partecipazione del coordinatore regionale del partito Michele Cossa, del coordinatore territoriale di Sassari Michele Solinas ed ancora, di Giacomo Crovetti, Pietrino Fois, Nicola Salvio e Giancarlo Spirito. Per rilanciare lo scalo algherese, «elemento fondamentale di sviluppo economico del nord ovest della Sardegna», il partito punta su tre cardini: la privatizzazione dell’aeroporto di Alghero, la messa in rete dei tre aeroporti isolani, «che operano in totale autonomia, talvolta ostacolandosi fra di loro» e la continuità territoriale.

«La pessima gestione in tutti questi anni è evidente – attaccano i Riformatori - La Regione è già intervenuta a più riprese a ripianare i debiti della società, ma non è possibile che siano i contribuenti sardi a pagare clientelismo e sprechi. Il termine per le offerte relative alle azioni inoptate è stato ulteriormente prorogato al 31 marzo 2016 (siamo alla sesta proroga). In Toscana sono bastati otto mesi per privatizzare il sistema e costituire una nuova società di gestione degli aeroporti di Pisa e Firenze. Questo nodo, che minaccia di diventare una storia infinita, dev’essere immediatamente affrontato dalla Regione, che deve nominare un commissario che provveda in modo trasparente ed efficace a mandare avanti le procedure per la privatizzazione. I potenziali acquirenti devono avere a disposizione infatti tutte le informazioni necessarie per poter formulare le offerte. Noi Riformatori abbiamo sempre sostenuto che solo con la privatizzazione dell’aeroporto si possono creare le condizioni per una gestione virtuosa, responsabile ed economicamente sostenibile. Per quanto non vi siano problemi di ricapitalizzazione, il problema della privatizzazione si pone anche per l’aeroporto di Cagliari».

Per quanto riguarda gli scali sardi, «un accordo commerciale e di management in tal senso permetterebbe di diversificare e ottimizzare le rotte in base alle vocazioni delle aree di riferimento, offrendo ai sardo molte più opportunità di viaggiare; creerebbe quella massa critica sempre più necessaria per poter stare sul mercato, aumentando la forza contrattuale del “sistema Sardegna”, e impedendo a singoli vettori (come Ryanair) di esercitare intollerabili pressioni sui singoli aeroporti e di condizionare pesantemente le prospettive di sviluppo economico di intere aree dell’Isola; diventare una potente infrastruttura economica, in grado di competere sul mercato nazionale e internazionale, facendo della Sardegna uno snodo essenziale dei trasporti nell’area mediterranea. Naturalmente – viene sottolineato - occorre preliminarmente attivare un efficiente e razionale sistema di trasporti via terra da/verso i tre aeroporti».

Infine, è stato ricordato come, salvo proroghe, la Ct1, che unisce Alghero a Milano-Linate e Roma-Fiumicino, scadrà a novembre. «C’è tutto il tempo per ripensare e riprogettare la struttura del sistema, per non essere costretti ogni volta a rincorrere l’emergenza come è puntualmente accaduto in questi anni nei periodi di punta, che hanno visto la Sardegna pressoché isolata. È necessario introdurre quegli elementi di flessibilità e competitività indispensabili per soddisfare pienamente la domanda dell’utenza. Questo significa agire sulla base di una visione globale e di rete del sistema, che tenga conto anche dell’utenza che si indirizza verso gli scali della Ct2 (continuità verso gli aeroporti minori). L’abbandono della Ct2 da parte della Regione, partendo dall’erroneo presupposto che Roma e Milano siano la destinazione finale della gran parte dei viaggiatori, ha avuto come conseguenza l’ingolfamento delle due rotte principali e un aggravio di spese per gli utenti, i quali debbono sobbarcarsi gli oneri delle ulteriori modalità di trasporto fino alla loro destinazione finale. Non si tratta infatti soltanto, come si è sostenuto, di un problema di “comodità” di una piccola parte di utenti, ma di rispondere ad esigenze concrete e perfettamente misurabili sulla base dei dati in possesso della Regione. Gli ulteriori 30milioni di euro recentemente messi a disposizione dallo Stato devono essere destinati almeno per il 50percento alla Ct2 (proprio al fine di decongestionare Roma e Milano). Il restante 50percento può essere destinato alle principali rotte europee (tre per aeroporto). Naturalmente, conformandosi alle direttive europee che consento di incentivare i vettori a operare sulle rotte prescelte», hanno concluso i Riformatori Sardi.

Nella foto: un momento dell'incontro di oggi
12:46 video
L´acquazzone abbattutosi su Alghero manda in tilt l´aerostazione. Disagi per i passeggeri. Cancellati i voli da Verona e Monaco di Baviera, ritardi in partenza da Pisa e Milano. Chiuso il bar
22/7/2016
«Non c´è un minuto da perdere - ripete il sindaco di Alghero Mario Bruno - c´è da evitare la chiusura della base di Alghero e garantire sostegno all´economia». Subito l´incontro con Ryanair e il sostegno ai vettori per incrementare le rotte
23/7/2016
«E´ arrivata l´ora delle decisioni», dichiara il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde
20:24
L´astensione nazionale dal lavoro del personale di Alitalia, Enav e Meridiana ha causato qualche ritardo e la cancellazione a scopo precauzionale di alcuni voli in arrivo ed in partenza dallo scalo gallurese
22/7/2016
Lo ha dichiarato Marco Tedde, vice-capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, sottolineando che la cancellazione delle tasse per il 2016 non rappresenta nessun traguardo
© 2000-2016 Mediatica sas