Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCulturaArcheologia › TourismA, padiglione Sardegna preso d’assalto dai visitatori
A.B. 19 febbraio 2016
Nel primo giorno di apertura del Salone internazionale dell’archeologia, la Sardegna fa subito il pieno di visitatori: grande curiosità ed ammirazione per i guerrieri di Carmine Piras, attesa per la presentazione del progetto di Unioncamere denominato Arkeosardinia e per gli interventi, domenica pomeriggio, dell’archeologa Maria Ausilia Fadda e del soprintendente regionale per la Lombardia Marco Minoja
TourismA, padiglione Sardegna preso d’assalto dai visitatori


CAGLIARI - La sculture dei guerrieri sardi, le spade dell’età nuragica ed una serie di pannelli di grandi dimensioni con le panoramiche dei più importanti siti archeologici sardi. Il padiglione Sardegna è stato letteralmente preso d’assalto nel primo giorno di apertura di TourismA, il Salone internazionale dell’archeologia che questa mattina (venerdì) ha aperto i battenti al Palazzo dei congressi di Firenze. L’elemento che caratterizza lo spazio allestito dall’editore Carlo Delfino è certamente il complesso di quattro statue di grandi dimensioni realizzate dallo scultore oristanese Carmine Piras. Un elemento scenografico di grande impatto che non ha mancato di attrarre fortemente i numerosi visitatori presenti già da oggi al Salone fiorentino.

Si tratta di sculture di 2metri, realizzate con materiale sintetico leggero, vestite con l’abbigliamento tradizionale dei soldati sardi di antichissima memoria, «perché l’ispirazione – ha spiegato l’autore – è proprio quella dei bronzetti di epoca nuragica». Due arcieri, un pugilatore ed un guerriero con scudo e spada esposti a mo’ di sentinelle ricordano ai visitatori che quello è lo spazio dedicato all’archeologia sarda. La postura e lo stile rimandano comunque alle sculture del complesso di Monte ‘Prama che nell’ultimo periodo è diventato una sorta di marchio della cultura sarda. Grande curiosità desta anche la rastrelliera con quattro spade nuragiche realizzate con la tecnica della fusione a cera persa di cui lo scultore è un vero maestro. Lo stand di 160metri quadrati targato “Sardegna nuragica”, presente al Salone fiorentino, propone una sintesi dei più importanti siti presenti nell’Isola con particolare riferimento alle fonti sacre. Il filo conduttore della partecipazione sarda, quest’anno, è rappresentato infatti dal culto dell’acqua, tema che sarà trattato domenica 21 febbraio, ultimo giorno del Salone, dall’archeologa Maria Ausilia Fadda. Ma il clima di attesa è palpabile anche per la presentazione della mostra “L’isola delle torri”, in programma, sempre domenica, grazie all’intervento del soprintendente regionale per la Lombardia Marco Minoja.

La fortunata esposizione, reduce dal grande successo riscosso nelle precedenti tappe di Cagliari, Roma e Milano, sarà inaugurata venerdì 15 aprile a Zurigo, dove resterà aperta e visitabile per tutta l’estate. La cultura nuragica, dunque, varca i confini nazionali per diventare portacolori di una regione ricca di testimonianze archeologiche che, se sapute promuovere, possono rappresentare una scommessa per l’economia turistica, soprattutto per riuscire nell’intento di dilatare la stagione e rivitalizzare un comparto in un periodo importante in cui, stando agli analisti di settore, si registrano chiari segnali di ripresa. Il senso della partecipazione sarda alla seconda edizione del Salone internazionale dell’archeologia è anche questo, riuscire ad intercettare flussi turistici importanti e dirottarli nell’Isola puntando sulla presenza di siti archeologici di grande interesse turistico, oltre che scientifico. Al riguardo è prezioso il lavoro degli operatori delle cooperative che gestiscono gli impianti, nonché dei rappresentanti dei Comuni: in questi giorni a Firenze sono presenti Cabras e Morgongiori che hanno aderito al programma.

Una menzione speciale merita l’iniziativa di Unioncamere, organismo che raggruppa la quattro Camere di Commercio della Sardegna, che presenta il progetto denominato Arkeosardinia, una grande carta della Sardegna con la sintesi dell’intero patrimonio archeologico. Tutto questo, naturalmente, si inserirà nel quadro più ampio del ricco programma di TourismA, evento straordinario, alla seconda edizione, che richiamerà in questi giorni a Firenze non solo specialisti, ricercatori, studiosi e tour operator, ma anche un gran numero di turisti ed altrettanti curiosi che, questo l’auspicio, visiteranno il Salone allestito a Palazzo dei congressi. Le potenziali ricadute per il turismo sardo, dunque, sono notevoli, perché la Sardegna è, da sempre, una delle mete più ambite del turismo internazionale, nonché regione assai ricca di testimonianze storico-artistiche in cui l’archeologia ha una parte importante che può caratterizzare e potenziare l’offerta.
24/8/2016
È partita l´edizione 2016 del “Bisarcio Project”. Il sito sarà visitabile fino a venerdì 16 settembre
© 2000-2016 Mediatica sas