Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniPoliticaImbarazzante ricevere lezioni di etica dai Riformatori
Emiliano Piras 21 febbraio 2016
L'opinione di Emiliano Piras
Imbarazzante ricevere lezioni di etica dai Riformatori


È quantomeno imbarazzante ricevere lezioni di etica da un "pseudo-partito" che vanta al suo interno diverse persone che nell'ultimo trentennio hanno svolto ruoli attivi all'interno delle amministrazioni a vari livelli, che a memoria d'uomo non vengono certo ricordate per grandi battaglie di moralità, tranne che alla fine di un ciclo dove i leaders massimi hanno acquisito i privilegi a vita; allora si, ma solo allora, si sono resi conto dei tanti quattrini in più incassati per svolgere attività politica...l'importante che ciò avvenisse per i posteri. Tante persone che negli anni hanno "incassato" gettoni e stipendi in consiglio regionale, in consiglio comunale, alcuni addirittura provenienti dalla c.d. Prima Repubblica o dal walzer dei cambi di casacca, mi viene in mente, tra gli altri, il coordinatore Salvio, in ruoli assessoriali, in enti di sottogoverno, senza mai porsi il problema dello spreco: che strano!

L'unica azione politica che ha contraddistinto i Riformatori catalani negli ultimi due anni è la pessima figura fatta non presentandosi alle elezioni per non essere riusciti a decidere da che parte stare, dopo aver provato a bussare a "tutte" le porte, tranne quella alla quale adesso fanno finta di accostarsi, quella pentastellata. Per essere precisi, vista la pessima attenzione dimostrata dal "passacarte spettatore" dei riformatori in consiglio, il membro del coordinamento Montis, l'emendamento che avrei voluto presentare sul possibile azzeramento e rinuncia dei permessi, fatto addirittura proprio dai presentatori della proposta di delibera, è stato considerato non ammissibile dal parere del segretario comunale.

Tralasciando la bassezza dimostrata dai riformatori, che onestamente non meriterebbero nemmeno questa attenzione, mi aspetto dai colleghi di consiglio assenti del PD, dall'assenza ipocrita e scorretta del consigliere Pais, uscito al momento del voto dall'aula, dal gruppo UDC che ha votato con una "scioccante" astensione, e dalla maggioranza, una dura presa di posizione nei confronti di chi "pontifica" dall'esterno predicando bene e razzolando male. L'auspicio è che se in futuro ci sarà l'opportunità per esponenti dei riformatori di ricoprire ruoli nell'amministrazione algherese, seguano fin da subito l'esempio del consigliere Porcu, protocollando come primo atto la rinuncia a qualsiasi emolumento per tutto il mandato; così come prevede la legge, rafforzata dalla risoluzione unitaria sul diritto di rinuncia, che verrà inserito nel regolamento. In conclusione sarebbe veramente lodevole se gli esponenti dei riformatori che godono di vitalizi e pensioni acquisite dalla Politica, dessero l'esempio rinunciando pubblicamente a ciò che ingiustamente la Politica gli ha garantito; di sicuro la rinuncia di questo genere di privilegi anche solo di una persona, equivarrebbe a quella di 25 consiglieri comunali di una cittadina come Alghero.

*consigliere comunale Ncd Alghero
17:22
Partecipato incontro ad Alghero sulla Rete Metropolitana del nord Sardegna, alla presenza delle massime autorità delle principali città dell´unione. Assente l´assessore Erriu con Forza Italia Alghero che spara a zero sulla riforma regionale e il sindaco Mario Bruno
9:31
Così inizia l´ultimo atto del botta e risposta tra Forza Italia e Sardenya I Llibertat in merito alla Fondazione Meta, con il portavoce azzurro Delogu che si rivolge direttamente all´ex sindaco
20:22
«Governo inaffidabile e Regione supina», attacca il consigliere regionale del´Upc Pierfranco Zanchetta. «Da Renzi neanche il buon gusto di un annuncio in un incontro formale», rilancia l´assessore regionale Paolo Maninchedda. "Schiaffo di Renzi alla Sardegna", chiosa il consigliere del Psd'Az Marcello Orrù
24/5/2016
L´ex sindaco Carlo Sechi parla di «fallimento della missione» per la Fondazione (e la Secal) e ne chiede pubblicamente la «liquidazione». Il gruppo consigliare di Forza Italia (che Meta e Secal le hanno create con Tedde sindaco) difendono le scelte del passato e attaccano
20:32
Il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru non si mostra preoccupato dalla decisione del Governo di effettuare il G7 in Sicilia e non nell´isola gallurese
25/5/2016
La risposta di Sardenya I Llibertat non si fa attendere dopo le esternazioni del gruppo consiliare di Forza Italia in merito alla Fondazione Meta
19:10
Per il consigliere regionale di Forza Italia l’assenza dell’assessore Erriu alla riunione sulla Rete metropolitana conferma di un clima che trascina l’intera isola nelle beghe congressuali del Pd sardo
15:08
Avvio del percorso di progettazione partecipata che porterà alla definizione del nuovo Piano Strategico della Città. Domani a Lo Quarter anche l´assessore regionale Claudia Firino
24/5/2016
I sindaci della Rete metropolitana, che ben si sono guardati a febbraio dall’erigere barricate contro la presa in giro della Rete per consiglieri riottosi, litigano per percentuali di gestione del nulla e si comportano come quella guardia giurata della famosa barzelletta che faceva la guardia al “cassonetto della spazzatura”
23/5/2016
«Al di la delle dichiarazioni trionfalistiche circa l’approvazione del Bilancio di previsione 2016, la realtà dei fatti evidenzia tutta un’altra storia che racconta del pressapochismo e della inadeguatezza di questa Amministrazione comunale, che non manca occasione per darne ampia prova», attacca il consigliere forzista
24/5/2016
Al netto della fuffa mediatica, Pigliaru si comporta come un commissario liquidatore del Nord Sardegna, in nome e per conto del Governo, trattando metà dell’isola come se fosse una sorta di bad company da sacrificare a beneficio di altri territori
23/5/2016
Sabato 28 maggio, dalle ore 11 alle ore 18.40, e domenica 29, dalle ore 10.30 alle ore 18.50, sarà possibile conoscere gli interni di quella che fu una delle prime grandi fabbriche della Sardegna
© 2000-2016 Mediatica sas