Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Riformatori: «Piras non si salva dal ridicolo»
S.A. 22 febbraio 2016
Così inizia la replica dei Riformatori all´esponente del Nuovo Centro Destra Emiliano Piras. L´oggetto del botta e risposta è la recente discussione in Consiglio comunale ad Alghero sui gettoni di presenza dei consiglieri comunali
Riformatori: «Piras non si salva dal ridicolo»


ALGHERO - «L’ultimo intervento del consigliere Emiliano Piras, al di là del suo spessore (?) politico, ci offre l'occasione di precisare che il Partito dei Riformatori, da lui definito “pseudo-partito”, è nato nel 1996; è fortemente radicato in Sardegna; in Alghero dispone di una propria sede politica; è strutturato come da statuto; ha una lunga lista di iscritti e simpatizzanti; ha un coordinamento e un coordinatore, ma, soprattutto esprime una forte e vigile, praticamente quotidiana presenza su tutte le maggiori problematiche amministrative e socio-economiche che riguardano la nostra città, così come i nostri concittadini, al contrario del Consigliere Piras, ben sanno».

Così prosegue il botta e risposta tra i Riformatori [LEGGI] e il consigliere comunale del Nuovo Centro Destra Emiliano Piras [LEGGI], . «Un partito che nel tempo ha anche assunto ruoli ed incarichi politici di grande responsabilità, come del resto ne ha usufruito a piene mani nell'intero ultimo trentennio la stretta parentela del consiglere Piras che a noi li rimprovera e non guarda poi in casa sua. Ma anche un Partito, quello dei Riformatori, per quanto concerne la riduzione dei costi della politica, che è stato sostenitore di quel referendum del 6 maggio 2012 in cui 525mila sardi si espressero a favore del taglio dei compensi dei consiglieri regionali, che oggi, per l’appunto, percepiscono il 40% in meno rispetto al passato; la riduzione dei Consiglieri regionali da 80 a 60; la riduzione dei vitalizi; l'azzeramento dei Consigli di amministrazione di tutti gli enti strumentali e questo senza guardare in faccia a nessuno, né uomini né partiti. Chissà se il NCD, il partito rappresentato dal consigliere Piras, può vantare altrettanta struttura, uomini e presenza o se non si tratta, invece, semplicemente di un simbolo che gli è servito per rappresentare se stesso in consiglio comunale» si legge nella nota firmata dal coordinamento.

I Riformatori attaccano la posizione del consigliere Ncd in Aula in merito al taglio dei gettori discusso nell'ultima seduta in via Columbano [LEGGI] [GUARDA]: «il consigliere Piras lo scorso novembre 2014, in seguito all’iniziativa taglia-gettone, faceva sapere di aver preparato un emendamento che addirittura avrebbe previsto l’annullamento di tutti i compensi. In aula, nell’ultimo consiglio comunale del 18 febbraio ultimo scorso ha votato in manuera diametralmente opposta. È noto a tutti, infatti, con quale forza e tenacia Emiliano Piras ha affermato la volontà di mantenere inalterato l’importo del gettone votando contro la proposta di ridurlo, allineandolo alla media nazionale, non di abolirlo. Infine ci piace concludere con un pensiero personalissimo per il consigliere Emiliano Piras: giustificare la propria incoerenza e la propria inconsistenza politica rinfacciando la presunta incoerenza e inconsistenza politica di chi a ragione ti fa notare le tue, non ti assolve, non ti redime, e, soprattutto, non ti salva dal ridicolo!»
9/12/2016
Una sentenza della Corte dei Conti ha riacceso lo scontro politico a Villanova Monteleone. Dopo gli attacchi del gruppo di opposizione Per Villanova, la replica del sindaco Quirico Meloni
9/12/2016
Non stiamo qui a spendere parole di solidarietà a difesa dell’ennesimo assessore defenestrato dal sindaco Bruno e dalla sua variegata maggioranza, abbiamo sempre criticato la Lampis, disapprovando il suo operato ed evidenziando più volte i danni creati al settore produttivo della città, a partire dall’assurdo regolamento sui suoli pubblici
9/12/2016
Gli esponenti del centrosinistra che oggi hanno fretta di ripristinare gli enti intermedi farebbero meglio a interrogarsi sul perché tre quarti dei sardi hanno bocciato sonoramente una riforma che, se approvata, avrebbe rafforzato enormemente l’asse Renzi-Pigliaru
9/12/2016
Il presidente regionale Mirko Murgia prende posizione sulla situazione di incertezza in cui è precipitata la politica regionale dopo l’esito del referendum costituzionale di domenica scorsa.
© 2000-2016 Mediatica sas