Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaAgricoltura › Coldiretti scopre i frutti di bosco
S.A. 23 febbraio 2016
Eccetto rari casi, nell´isola la produzione è praticamente assente, anche se il clima e la terra di vaste zone del territorio regionale, sopratutto nelle zone interne, si prestano alla sua coltivazione
Coldiretti scopre i frutti di bosco


CAGLIARI - La coltivazione dei frutti di bosco è un mondo quasi tutto da scoprire per la Sardegna. Eccetto rari casi, nell'isola la produzione è praticamente assente, anche se il clima e la terra di vaste zone del territorio regionale, sopratutto nelle zone interne, si prestano alla sua coltivazione. «Ogni anno in Sardegna si spendono 14milioni di euro per acquistare i frutti di bosco – rivela Vittorio Cadau, florovivaista di Olmedo, nonché presidente di Uecoop Sardegna -. Il fabbisogno del mercato italiano è coperto solo in piccola parte, mentre il 70% circa della produzione arriva dell’Europa settentrionale, Spagna, Stati Uniti e Sud America».

«I frutti di bosco che consumiamo (lampone, mirtillo, ribes, mora) li utilizziamo oltre che per il consumo fresco anche nei laboratori di pasticceria, gelateria e ristoranti. Si compra - continua Cadau - sia il surgelato (intorno al 70%) che il fresco in ATM (intorno al 30%). Nella GDO costano 7,76 euro il primo, 28 il secondo. Il consumo medio pro capite nel periodo estivo è pari a 0,64 Kg». «Il mercato dei frutti di bosco (lampone, mirtillo, ribes, mora) è un settore in continua crescita negli ultimi anni – commenta ancora il presidente di Uecoop – e nella nostra regione ci potrebbero essere grosse potenzialità di coltivazione soprattutto nelle zone boschive del centro, grazie alle favorevoli condizioni climatiche. La produzione si ha a partire più o meno dal terzo anno e arriva in piena produzione tra il sesto e il nono anno»”.

«Sono coltivazioni che vanno incentivate – sostiene il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – perchè abbiamo la terra ed il clima idoneo ed un mercato fertile in continua espansione. Nella logica della nuova agricoltura multifunzionale – spiega Battista Cualbu – questi sono i prodotti che vanno inseriti nelle nostre aziende che in molti casi non richiedono neppure alti investimenti ma rappresentano anzi un importante integrazione al reddito. Senza dimenticare – conclude – che assicuriamo ai consumatori un prodotto sano e sicuro oltre a tagliare migliaia di km di trasporto con enormi benefici all'ambiente».

Nella foto: Vittorio Cadau
17:42
Nell’isola sono, infatti, 2.501 i produttori e trasformatori che operano in questo settore, cresciuto tra il 2014 e 2015 del 3,9%. Giovedì 30 marzo a Sassari seminario tecnico organizzato da Confartigianato Imprese Sardegna ed Ecogruppo Italia
27/3/2017
Il Consorzio di Bonifica della Nurra introduce nuove disposizioni a seguito della forte limitazione nell´uso dell´acqua irrigua a causa delle criticità del sistema di approvviggionamento idrico Temo-Cuga-Bidighinzu e delle poche precipitazioni registrate nei mesi scorsi
28/3/2017
5milioni e 175mila euro destinati ai Consorzi di Bonifica della Sardegna. Tali risorse sono ripartite tra i Consorzi in misura pari a 3/12 del contributo concesso nell’anno 2016
27/3/2017
E´ veramente necessario stoppare l´iter di un piano di bonifica da cui possono trarre vantaggio la maggior parte degli agricoltori delle borgate storiche? Quale può essere l´interesse di pochi rispetto ai tanti? Il compito di una amministrazione deve essere prima di tutto proporre progetti e soluzioni in tutti i campi, tenendo conto del bene collettivo
27/3/2017
A raccolta parte delle opposizioni consiliari di Alghero nella sede del circolo cittadino del Partito democratico: Alleanza Popolare (ex Ncd), Patto Civico, Psd´Az e Gruppo Misto. Forza Italia storce il naso e sta alla finestra
© 2000-2017 Mediatica sas