Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › Insediato il Tavolo Sardegna: gli obiettivi
S.A. 23 febbraio 2016
Il Tavolo Sardegna di Italia Unica e Movimento IDeA. All´incontro sono intervenuti i parlamentari Gaetano Quagliariello (Senato) e Guglielmo Vaccaro (Camera)
Insediato il Tavolo Sardegna: gli obiettivi


CAGLIARI - Si è insediato nei giorni scorsi all’Hotel Panorama di Cagliari il Tavolo Sardegna di Italia Unica e Movimento IDeA. All'incontro sono intervenuti i parlamentari Gaetano Quagliariello (Senato) e Guglielmo Vaccaro (Camera). La riunione è stata presieduta da Tore Piana, coordinatore regionale di Italia Unica, e Gianfranco Picciau, responsabile sardo di IDeA, con i rispettivi coordinamenti regionali.

«Oggi si insedia il Tavolo Sardegna. Il nostro obiettivo è attivare un canale diretto con le istituzioni parlamentari, a cui attribuire il compito di mettere all'attenzione le maggiori criticità dell’Isola, tramite proposte di legge, interrogazioni e mozioni», ha detto in apertura Tore Piana, che ha poi illustrato i principali punti di intervento. Innanzitutto è necessario che lo Stato confermi la propria presenza nel territorio, in particolare nelle zone interne. Ma occorre garantire investimenti infrastrutturali su tutta l'isola.

Il Tavolo ha quindi definito la proposta di un master plan dedicato ad investimenti per la Sardegna che parta da trasporti interni (ferrovie e strade), bonifiche, scuola e che comprenda anche il tema delle infrastrutture portuali ed aeroportuali, con un intervento diretto nel cofinanziamento della continuità territoriale e indiretto verso la Ue per fare riconoscere all’Isola lo status di zona insulare svantaggiata (e ottenere così maggiori contributi europei).

Un intervento che punta anche al superamento di norme europee che penalizzano l’economia sarda e all’introduzione di efficaci agevolazioni contributive per l'abbattimento degli oneri previdenziali a lavoratori ed imprese. L’obbiettivo finale rimane la creazione di posti di lavoro. Infine la sanità: verranno richieste azioni politiche affinché sia garantito un cofinanziamento dal Governo, come nelle altre regioni (in Sardegna, al contrario, la sanità è a totale carico della Regione).

Il Tavolo chiede anche un voto contrario all'accordo internazionale di revisione dei confini marittimi tra Italia e Francia che penalizza il mare della Sardegna. È stato infine preso l’impegno per trovare una soluzione immediata relativamente alle concessioni demaniali sulle spiagge: la Direttiva Bolkestein prevede la liberalizzazione con il ricorso a gare ad evidenza pubblica: l’Italia con il Governo Monti aveva deciso un rinvio al 2020 ma la Ue non è d’accordo. A Olbia prossimamente verrà organizzato un convegno sull’argomento, che vedrà la partecipazione dei parlamentari. «Siamo soddisfatti per il riconoscimento che i vertici nazionali del partito ci stanno riservando. Il nostro lavoro è serio e sta producendo i primi frutti», è il commento conclusivo del direttivo regionale di Italia Unica, condiviso da Movimento IDeA.

Nella foto: il tavolo dei partecipanti
21:36
E’ sconcertante che il massimo rappresentante dei sardi, totalmente assente nelle fasi calde della vertenza, si limiti a serafici comunicati da Bruxelles, senza il minimo rispetto per quattrocento persone che vedono sfumare il proprio posto di lavoro
9:36
Forza Italia Alghero mette in evidenza la recente delibera della Corte dei Conti sul Piano delle partecipate presentato dall´Amministrazione comunale
28/6/2016
Avviata la class action di Unidos per fermare le cartelle del gestore dell´acqua arrivate nelle scorse settimane nelle cassette delle poste dei sardi. I legali hanno depositato il ricorso nel Tribunale di Cagliari
9:48
Una Città trascurata, in balia di una amministrazione schiava della sua instabilità, dove il Primo Cittadino ha fatto di tutto per isolarsi e perdere tutti i contatti e le “simpatie” delle “amministrazioni amiche”
28/6/2016
La sezione sassarese di CasaPound Italia interviene in merito «al totale degrado in cui versa Piazzale Segni, vetrina dei maggiori eventi sportivi e culturali cittadini»
27/6/2016
E’ assurdo che ogni decisione venga calata dall’alto, da Roma, lasciando poi alle comunità, alle Forze dell’ordine, ai volontari il compito di arrangiarsi di fronte ad un fenomeno di proporzioni gigantesche
© 2000-2016 Mediatica sas