Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Piccone (Pd) a Roma: subito la stepchild
M.V. 25 febbraio 2016
La delegata algherese nell'assemblea nazionale del Partito democratico sottolinea l'importanza di incardinare immediatamente un nuovo provvedimento sulle adozioni. «Ho sempre pensato che l'adozione del figlio del partner esteso alle coppie omosessuali non possa essere considerato un mero principio giuridico»
Piccone (Pd) a Roma: subito la stepchild


ALGHERO - Giusy Piccone, consigliere comunale di Alghero e membro eletto nell'assemblea nazionale del Partito democratico, nei giorni scorsi ha partecipato a Roma alla massima assise nazionale del partito. Il segretario Matteo Renzi ha illustrato gli obbiettivi a suo dire centrati nell'ultimo anno di Governo, valorizzando in particolar modo i risultati ottenuti dal provvediamento per la riforma del lavoro, comunemente detto jobs act, e la riforma della scuola con l'inserimento di oltre centomila nuovi insegnanti nel corpo docente scolastico locale. «Ho accolto con molto favore l'impegno del Premier e segretario Renzi nel portare a compimento il tortuoso iter della legge Cirinnà - sottolinea Giusy Piccone - per una parificazione dei diritti civili delle coppie di fatto, siano esse etero o omosessuali».

«Non posso che dolermi però, del fatto che nel dibattito parlamentare successivo all'assemblea nazionale, anche per il comportamento a dir poco ambiguo dei parlamentare del Movimento 5 Stelle, pur di salvare l'impianto della norma si sia dovuto stralciare la parte riguardante l'adozione del figlio del convivente». «Ho sempre pensato che l'adozione del figlio del partner esteso alle coppie omosessuali non possa essere considerato un mero principio giuridico - prosegue la dirigente algherese del Partito democratico - ma dovrebbe essere un vero principio di parità e uguaglianza, oltre che la certificazione e normazione di un fenomeno che già esiste nel nostro paese ma che purtroppo non è regolamentato al pari di molti altri paesi dell'Unione Europea».

«Ho sufficiente esperienza politica per capire le ragione della real politik, però voglio ricordare che la stepchild adoption è stato un impegno preso nelle primarie da tutti i candidati alla segreteria - sottolinea Piccone - oltrechè punto qualificante del programma del centrosinistra presentato agli elettori in occasione delle ultime elezioni politiche». «Prendo l'impegno fin da oggi, e son sicura che non sarò sola, di riproporre con ancora maggior determinazione il tema, non solo nelle sedi di partito, coinvolgento a tutti i livelli i cittadini in una battaglia di civiltà per il rispetto dei diritti di tutti e ognuno, perchè al più presto venga riproposta una nuova iniziativa legislativa» conclude Giusy Piccone.

Nella foto: Giusy Piccone e una parte della delegazione sarda in occasione dell'assemblea nazionale del Partito democratico svoltasi a Roma
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas