Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaLibri › Libri: anteprima nazionale per Neria De Giovanni
A.B. 25 febbraio 2016
Il quattordicesimo libro della scrittrice algherese su Grazia Deledda è inserito nella collana “Italiane” e verrà presentato martedì 1 marzo alla Camera dei Deputati
Libri: anteprima nazionale per Neria De Giovanni


ALGHERO - Cristina di Belgioso, Grazia Deledda e Nilde Iotti, ovvero la patriota, la scrittrice italiana primo premio Nobel per la letteratura e la prima presidente della Camera dei Deputati: tre donne simbolo raccontate da tre specialiste come Nadia Verdile, Neria de Giovanni e Luisa Cavaliere, sono le protagoniste della nuova collana Italiane (diretta dalla stessa Verdile), che la casa editrice Pacini Fazzi fa uscire in occasione del proprio cinquantesimo anno di fondazione. La presentazione, in anteprima, è fissata per martedì 1 marzo, nella Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati, con il saluto della vicepresidente della Camera Marina Sereni e gli interventi di Massimo Bray (direttore dell'Enciclopedia Treccani) e del giornalista Gad Lerner, alla presenza delle autrici, di Maria Pacini Fazzi (presidente e fondatrice della omonima casa editrice) e di Francesca Fazzi (contitolare dell’azienda).

«Donne che hanno lasciato impronte. Calchi di umanità sui sentieri della vita dove la consuetudine e il pregiudizio hanno cancellato, come onde, la loro presenza», scrive la direttrice Verdile nel testo di presentazione di questa collana, che vuole imporsi per cura dei testi e precisione di scrittura, ma anche agilità (piccolo formato e piccolo prezzo), per far decollare il marzo 2016 all’insegna non di una generica celebrazione del femminile, ma della divulgazione e della conoscenza. «Una iniziativa che sta riscuotendo grande interesse - afferma Francesca Fazzi - e nella quale crediamo molto. Sono tantissime le italiane da riscoprire e pensiamo ad una collana aperta alle proposte delle tante studiose e studiosi che insieme andranno a completare una nuova storia italiana popolata da protagoniste oggi sconosciute o "misconosciute"».

Sono affidate a specialiste di primo piano le firme delle prime tre uscite: è la stessa direttrice di Collana Nadia Verdile a presentare la avventurosa biografia di Cristina Trivulzio (Milano 1808-1871), patriota, giornalista e scrittrice, attivissima protagonista del Risorgimento italiano; è stata affidata alla presidente dell’Associazione internazionale dei critici letterari Neria de Giovanni la biografia di Grazia Deledda, tra le maggiori esperte della scrittrice sarda sulla quale ha pubblicato ben tredici volumi; è infine Luisa Cavaliere a tracciare la vita della prima presidente della Camera, l’onorevole Nilde Jotti della quale, come si può intuire dalla bellissima foto di copertina, la Cavaliere ci fa conoscere aspetti inediti del profilo biografico.

«Abbiamo scelto di celebrare il cinquantesimo di fondazione della Maria Pacini Fazzi editore, casa editrice che ha iniziato la propria attività nel gennaio del 1966 – afferma Maria Pacini Fazzi - guardando avanti e parlando da donne alle donne. Perché crediamo che ancora oggi siano tante le donne da riscoprire e questa collana intende accoglierle tutte. Artiste, giornaliste, scrittrici, scienziate, politiche, per un’Italia al femminile che ha molto da insegnare. Noi con questa collana vogliamo continuare a guardare avanti, al mondo del libro e della cultura con fiducia e attenzione alle esigenze dei lettori e del mercato che oggi chiede concretezza, professionalità, competenza». Dopo l’anteprima romana, il calendario delle presentazioni è già molto fitto e prevede venerdì 4 marzo la presentazione a Cosenza (Palazzo della Provincia, in collaborazione con la società dei francesisti) affidata alla nota giornalista Ritanna Armeni, per poi proseguire con numerosi appuntamenti a Firenze, Milano, Alghero e Lucca, sede della Maria Pacini Fazzi editore.

Nella foto: Neria De Giovanni
23/6/2016
«Spazio agli autori lontani dall´Isola e alla valorizzazione dell´identità sarda», auspica l´assessore regionale della Cultura Claudia Firino
© 2000-2016 Mediatica sas