Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Legge di stabilità: la Sardegna impugna due commi
A.B. 27 febbraio 2016
Si tratta di un´iniziativa tecnica, che è stata presa per motivi di autotutela anche dalle altre Regioni a Statuto speciale (Friuli Venezia Giulia, Sicilia) e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, per evitare conseguenze negative per le finanze regionali e per gli ambiti di esercizio dell’autonomia
Legge di stabilità: la Sardegna impugna due commi


CAGLIARI - La Regione Autonoma della Sardegna impugna dinanzi alla Corte Costituzionale due commi della Legge di Stabilità 2016, che hanno effetto sulle finanze regionali a partire dall'anno successivo. I commi impugnati sono il 680 (che disciplina il contributo delle Regioni e delle Province autonome alla finanza pubblica per il triennio 2017-2019) ed il 711 (che determina il metodo di calcolo del fondo pluriennale vincolato).

Si tratta di un'iniziativa tecnica, che è stata presa per motivi di autotutela anche dalle altre Regioni a Statuto speciale (Friuli Venezia Giulia, Sicilia) e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, per evitare conseguenze negative per le finanze regionali e per gli ambiti di esercizio dell’autonomia. «È una decisione che non riguarda in alcun modo i rapporti politici fra Governo nazionale e governo regionale, che procedono all’insegna del dialogo e del confronto quotidiano nell’interesse dei cittadini sardi», fanno sapere dagli uffici di Via Roma. In ogni caso, c’è ora un anno di tempo per proseguire l’interlocuzione con il Governo su questo tema e per trovare un accordo condiviso intorno a tutti i temi che riguardano il contributo della Sardegna alla finanza pubblica.
17:38
È crisi in Regione: Gianmario Demuro si è dimesso da assessore alle Riforme, al Personale e agli Affari generali. L’addio è arrivato nello stesso giorno in cui i RossoMori hanno deciso di uscire dalla maggioranza
12:22
Si sblocca così un lungo braccio di ferro che andava avanti da settimane, minando i lavori del consiglio regionale e i rapporti all´interno della maggioranza. Di seguito tutti i componenti
5/12/2016
Vengono così definiti percorso e criteri del processo di valutazione dell’operato dei dirigenti dell’amministrazione, degli enti e delle agenzie della Regione
© 2000-2016 Mediatica sas