Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › «Unioni civili scardinano l´istituzione della famiglia»
A.B. 27 febbraio 2016
Dalla Sardegna, l´appello del fondatore del Movimento Cristiano Marcello Orrù: «la legge sulle unioni civili approvata giovedì scardina l´istituzione della famiglia e la Costituzione. Ci appelliamo al presidente Mattarella: non firmi una legge vergognosa»
«Unioni civili scardinano l´istituzione della famiglia»


CAGLIARI - «La legge sulle unioni civili approvata giovedì è una vera porcata frutto di un inaccettabile compromesso che mira a scardinare l'istuzione familiare cosi come contemplata e tutelata dalla Costituzione. La legge peraltro è stata approvata dietro una inammissibile voto di fiducia che ha calpestato il regolare svolgimento della vita democratica di questo Paese. Ebbene, allora ci appelliamo al supremo garante della costituzione e della democrazia, il presidente della Repubblica, chiedendogli di non firmare la legge Cirrinà».

Questo il primo commento di Marcello Orrù, fondatore del Movimento Cristiano, consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Sanità e Politiche sociali della Sardegna. Il consigliere regionale propone quindi un'iniziativa per dire no alla cosiddetta legge Cirinnà.

«Scriviamo all'indirizzo mail del presidente, mettendoci la faccia e sottoscrivendo la seguente richiesta: "Ill.mo Presidente della Repubblica, ci appelliamo al suo ruolo di estremo garante della Costituzione e della democrazia della nostra Nazione. Ieri è stata approvata dal Parlamento una legge che scardina l'istituzione della famiglia cosi come concepita e voluta dai padri costituzionali e cosi come garantita e tutelata dalla stessa Costituzione. Voglia valutare di non firmare la legge Cirinnà e di restituire dignità democratica alla vita parlamentare di questo Paese».

Nella foto: il consigliere regionale Marcello Orrù
20:31
Con la stessa puntualità di un orologio svizzero, con l´arrivo della bella stagione, si ripresentano i soliti problemi legati alla "conduzione" della città, ai rapporti di convivenza tra cittadini e imprese, all´accoglienza del turista
27/6/2017
Con la revoca delle misure cautelari si sgonfia il caso-Maria Pia ma ad Alghero continuano i tentativi di "spallata" all´amministrazione da parte delle opposizioni. E´ la volta dell´ex sindaco Tedde che disegna uno scenario nerissimo
27/6/2017
Domenica 2 luglio, sarà eletto il coordinatore del Circolo di SI Alghero, ma l’evento vuole essere anche l’occasione di un proficuo dibattito allargato a simpatizzanti e cittadini e l’inizio di un nuovo percorso politico in città
© 2000-2017 Mediatica sas