Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › «Unioni civili scardinano l´istituzione della famiglia»
A.B. 27 febbraio 2016
Dalla Sardegna, l´appello del fondatore del Movimento Cristiano Marcello Orrù: «la legge sulle unioni civili approvata giovedì scardina l´istituzione della famiglia e la Costituzione. Ci appelliamo al presidente Mattarella: non firmi una legge vergognosa»
«Unioni civili scardinano l´istituzione della famiglia»


CAGLIARI - «La legge sulle unioni civili approvata giovedì è una vera porcata frutto di un inaccettabile compromesso che mira a scardinare l'istuzione familiare cosi come contemplata e tutelata dalla Costituzione. La legge peraltro è stata approvata dietro una inammissibile voto di fiducia che ha calpestato il regolare svolgimento della vita democratica di questo Paese. Ebbene, allora ci appelliamo al supremo garante della costituzione e della democrazia, il presidente della Repubblica, chiedendogli di non firmare la legge Cirrinà».

Questo il primo commento di Marcello Orrù, fondatore del Movimento Cristiano, consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Sanità e Politiche sociali della Sardegna. Il consigliere regionale propone quindi un'iniziativa per dire no alla cosiddetta legge Cirinnà.

«Scriviamo all'indirizzo mail del presidente, mettendoci la faccia e sottoscrivendo la seguente richiesta: "Ill.mo Presidente della Repubblica, ci appelliamo al suo ruolo di estremo garante della Costituzione e della democrazia della nostra Nazione. Ieri è stata approvata dal Parlamento una legge che scardina l'istituzione della famiglia cosi come concepita e voluta dai padri costituzionali e cosi come garantita e tutelata dalla stessa Costituzione. Voglia valutare di non firmare la legge Cirinnà e di restituire dignità democratica alla vita parlamentare di questo Paese».

Nella foto: il consigliere regionale Marcello Orrù
10:24 video
Il presidente della Regione Francesco Pigliaru e il presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi hanno firmato a Sassari, nell´Aula Magna dell´Università, il Patto per la Sardegna. Renzi, come ha ricordato il sindaco Nicola Sanna, è il secondo premier che viene in visita a Sassari (il primo fu Alcide De Gasperi nell’immediato secondo dopoguerra). Presenti tutte le massime istituzioni
29/7/2016
Un ritrovato quoziente di ragionevolezza conduce il consigliere Pais e il gruppo consiliare di Forza Italia di guadagnare le posizioni dell’Udc, anche ad oltre sei anni di distanza dal disatteso programma di interventi a favore della famiglia approvato dal consiglio comunale nel 2010 e rimasto lettera morta, così come i precedenti atti in materia di sostegno alla famiglia
28/7/2016
E’ noto infatti che, pur essendo quest’ultima una società sana e con i conti in regola, la Giunta in carica, dovendo portare a compimento un “regolamento di conti” non finanziari ma legato a guerre politiche interne alla maggioranza, decide di far “saltare per aria” la Secal
29/7/2016
I rappresentanti degli otto Comuni - Sassari, Alghero, Castelsardo, Porto Torres, Sennori, Sorso, Stintino e Valledoria - hanno firmato l´atto costitutivo della Rete metropolitana del Nord Sardegna
11:06
Il portavoce nazionale del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera, insieme alla parlamentare sarda Emanuela Corda, si presenterà per sollecitare l´Agenzia delle Entrate nell´applicazione della legge 228
28/7/2016
La frenesia di chiudere l’argomento in tempi troppo rapidi e senza far tesoro delle eccezioni e delle riflessioni suggerite praticamente da tutte le forze esterne alla Maggioranza, dentro e fuori il Consiglio Comunale, fa sorgere il sospetto che il sindaco e la sua Maggioranza, non riuscendo a dimostrare a convenienza della proposta, stiano perseguendo obiettivi diversi da quelli che vanno sbandierando. E forse ne sapremo di più quando sapremo a chi sarà affidato il servizio di riscossione esterno dei tributi algheresi
28/7/2016
Il premier dovrebbe fare due tappe, una in Prefettura l´altra all´Università. Il Patto per la Sardegna, tra continuità territoriale aerea, treni ed energia, vale circa 2,5 miliardi di euro
© 2000-2016 Mediatica sas