Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaSanità › Alghero, Ozieri, Ittiri e Thiesi. Patto sulla sanità: riunione
M.V. 29 febbraio 2016
Martedì mattina a Ozieri si riuniranno le Commissioni Consiliari Sanità dei quattro comuni uniti nel nuovo presidio. Obbiettivo chiaro per i rappresentanti dei quattro comuni: una sanità di primo livello
Alghero, Ozieri, Ittiri e Thiesi
Patto sulla sanità: riunione


ALGHERO - Rimane altissima ad Alghero l'attenzione sulla Sanità e le ripercussioni sul territorio della legge di riordino della rete ospedaliera tra breve in discussione in Consiglio regionale a Cagliari. Una seduta congiunta per mettere a punto strategie comuni per difendere in maniera unitaria il nuovo presidio ospedaliero di Alghero-Ozieri, così come individuato nella proposta di rete ospedaliera recentemente approvata dalla Giunta comunale. «Si è fatto un importante passo avanti ma non basta» avevano ribadito a più riprese Bruno, Ladu, Sau e Soletta.

Così martedì mattina a Ozieri si riuniranno le Commissioni Consiliari Sanità dei quattro comuni uniti nel nuovo presidio, Alghero, Ozieri, Ittiri e Thiesi appunto. Dopo un primo potenziamento dei servizi con l'attivazione della funzione di Semintensiva generale e le discipline di Oncologia e Lungodegenza (fino ad oggi inesistenti), l'obbiettivo su cui lavorano da tempo i Primi cittadini e con loro i consiglieri comunali è il riconoscimento del Primo livello, ad oggi mancato per l'assenza della Rianimazione.

Quello di martedì a Ozieri è solo l'ultimo degli incontri promossi dal presidente della Commissione Sanità Alessandro Nasone, dopo il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi nei due ospedali del Civile e Marino [LEGGI]. Un impegno che vede in prima linea l'amministrazione guidata da Mario Bruno, che all'indomani del faccia a faccia con tutti i Primari sanitari del territorio [LEGGI] ha partecipato insieme a Silvestro Ladu (sindaco di Ozieri) e ai rappresentanti di Ittiri e Thiesi alla riunione con i vertici del Partito democratico chiedendo lo sforzo di tutti i consiglieri regionali per veder riconosciuti i propri diritti [GUARDA].

«Come amministrazione, unitamente ai colleghi consiglieri di opposizione che partecipano assiduamente alle sedute di commissione, continueremo il nostro lavoro per far si che Alghero non venga più penalizzata né dall’Asl né dalla Regione» ha recentemente sottolineato il presidente Alessandro Nasone [LEGGI], sempre più convinto nel portare avanti insieme a tutto il Consiglio una battaglia di giustizia ed equità sociale che non ha colori politici. Dopo la riunione di Ozieri già in calendario la richiesta di audizione in Commissione Sanità in Regione e un nuovo incontro con i vertici Asl.

Nella foto: il presidente della Commissione Sanità del Comune di Alghero, Alessandro Nasone
24/9/2016
Martedì mattina, la bambina, ricoverata all´ospedale Santissima Annunizata di Sassari, è stata trasportata a bordo di un Falcon 900 Easy, per poi essere trasferita all’ospedale Meyer di Firenze
23/9/2016
Il Labirinto, Associazione per la tutela della Salute Mentale,impegnata nel chiedere l’applicazione della legge sulla Riforma Psichiatrica, sollecita le Istituzioni preposte, a prendere posizione nei confronti di chi, pare stia mettendo in atto un tentativo di smantellamento dei Servizi rivolti ai Sofferenti Mentali, ad Alghero
24/9/2016
«Da Zavattaro a Moirano, Pigliaru conferma scelta su manager non sardo», sottolinea il coordinatore regionale Ugo Cappellacci. «Nomina manager non fa chiarezza sul caos politico», rilancia il capogruppo forzista in Consiglio Regionale Pietro Pittalis
23/9/2016
Duro sfogo dell´assessore ai Lavori pubblici Paolo Maninchedda sulla nomina del primo direttore generale dell´Asl Unica sarda, Fulvio Moirano
24/9/2016
Con la nomina di Fulvio Moirano alla guida dell’Azienda per la tutela della salute si mette finalmente la parola fine sull’imbarazzante telenovela che ha accompagnato la fase preliminare all’accorpamento delle attuali Asl in un’unica azienda regionale. L’Ats, purtroppo, nasce zoppa per colpa dei partiti del Centrosinistra, che hanno man mano svuotato di contenuti l’idea di Asl unica regionale avanzata per la prima volta dai Riformatori. Con queste premesse, è lecito essere scettici sui risultati che la riforma sarà in grado di produrre
© 2000-2016 Mediatica sas