Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaSanità › L´ira di Maninchedda: «Sanità sarda massonica»
S.A. 1 marzo 2016
«Non è dimostrabile che la sanità sarda ha due grandi ambienti condizionanti: uno politico a colori arcobaleno ma con una dominanza di rosa, l´altro massonico. Non è dimostrabile, ma è vero», lo sfogo dell´assessore regionale ai Lavori Pubblici Paolo Maninchedda
L´ira di Maninchedda: «Sanità sarda massonica»


CAGLIARI - «Sono molto adirato, per cui prendetemi con un pizzico di beneficio di inventario» scrive sul suo blog l'assessore ai Lavori pubblici e presidente del Partito dei sardi Paolo Maninchedda. «Non è dimostrabile che la sanità sarda ha due grandi ambienti condizionanti: uno politico a colori arcobaleno ma con una dominanza di rosa, l'altro massonico. Non è dimostrabile, ma è vero», le parole di Maninchedda, spiegando poi nel dettaglio i motivi della sua "collera".

«Il presidente della Regione sa che io penso che tendenzialmente chi è benestante non si fa curare in Sardegna e che ha molte buone ragioni per farlo. Lo sanno anche i colleghi di giunta», il primo affondo dell'assessore, che racconta poi una sua esperienza personale: «Quando avemmo in famiglia un problema sanitario, un grande primario di un reparto sardo (che sta ottenendo grandi risultati nonostante gli rendano la vita impossibile ogni giorno che Dio manda in terra) mi consigliò di andare in Italia - spiega Maninchedda- non perchè lui non fosse in grado di intervenire, ma perchè per una biopsia ben fatta e affidabile, da cui dipende la scelta dei chemioterapici, il suo ospedale sardo era costretto a mandare nella penisola i campioni di tessuto prelevato, giacchè il laboratorio interno faceva troppi errori nella lettura dei vetrini. Tempi dell'operazione previsti 15 giorni. Io non avevo tempo».

L'assessore torna poi sulla questione della rete regionale della terapia del dolore, ancora assente in Sardegna: «Il 13 ottobre 2015 il consigliere del Partito dei Sardi Augusto Cherchi ha scritto una lettera aperta al presidente e all'assessore alla Sanità, un accorato appello a che la Sardegna istituisse la rete regionale della terapia del dolore- spiega-. Una garbata segnalazione del fatto non glorioso della restituzione delle risorse nazionali italiane stanziate per la rete del dolore e non utilizzate dalla Regione. Per mille motivi la lettera non ottenne risposta» (pochi giorni fa lo stesso Cherchi con i consiglieri del gruppo Democrazia, Sovranità e Lavoro hanno presentato un''interpellanza sull'argomento, ndr).

«Nel frattempo, i medici capaci che combattono il dolore, e che sono un'eccellenza riconosciuta, continuano a lavorare in silenzio, concentrati sui pazienti e non su astute strategie di corridoio, non su abili posizionamenti politici, non su accurate vestizioni di triangoli, grembiuli e compassi, non sul 'leccaculismo' italico a incentivazione economica flottante - continua Maninchedda-. Lavorano per i pazienti, lavorano a conservare tecniche non diffusissime, non praticabili e praticate da tutti, estremamente utili e che non possono insegnare perchè confinati in spazi angusti, perchè non riconosciuti, perchè ignorati». La conclusione è un appello al collega di giunta Luigi Arru, assessore alla Sanità: «Quando ci si ammala si diventa consapevoli di questa situazione, ma è troppo tardi: proviamo a combattere da sani, Luigi!».

Nella foto: Paolo Maninchedda
24/9/2016
Martedì mattina, la bambina, ricoverata all´ospedale Santissima Annunizata di Sassari, è stata trasportata a bordo di un Falcon 900 Easy, per poi essere trasferita all’ospedale Meyer di Firenze
24/9/2016
«Da Zavattaro a Moirano, Pigliaru conferma scelta su manager non sardo», sottolinea il coordinatore regionale Ugo Cappellacci. «Nomina manager non fa chiarezza sul caos politico», rilancia il capogruppo forzista in Consiglio Regionale Pietro Pittalis
24/9/2016
Con la nomina di Fulvio Moirano alla guida dell’Azienda per la tutela della salute si mette finalmente la parola fine sull’imbarazzante telenovela che ha accompagnato la fase preliminare all’accorpamento delle attuali Asl in un’unica azienda regionale. L’Ats, purtroppo, nasce zoppa per colpa dei partiti del Centrosinistra, che hanno man mano svuotato di contenuti l’idea di Asl unica regionale avanzata per la prima volta dai Riformatori. Con queste premesse, è lecito essere scettici sui risultati che la riforma sarà in grado di produrre
© 2000-2016 Mediatica sas