Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaAmbienteManifestazioni › Oscar green: iscrizioni fino al 15 marzo
A.B. 3 marzo 2016
«E´ un´occasione importante per promuovere le idee innovative e virtuose sperimentate dai giovani agricoltori», dichiara la Coldiretti
Oscar green: iscrizioni fino al 15 marzo


CAGLIARI - Mancano ancora due settimane per iscriversi all'Oscar green, il premio nazionale ideato e promosso da Coldiretti Giovani Imprese. L'iniziativa, arrivata alla decima edizione, punta a valorizzare quei giovani che hanno scelto per il loro futuro l’Agricoltura. «E' un'occasione e una vetrina importante – dice il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – in cui si promuove l’agricoltura sana del nostro Paese della quale sopratutto i giovani sono i testimonial con le loro idee imprenditoriali innovative che stanno rivoluzionando il comparto nel rispetto della tradizione». Le iscrizioni, che scadrano martedì 15 marzo, sono riservate agli imprenditori agricoli ed agroalimentari che hanno compiuto massimo quarant'anni.

«Manca poco più di una settimana per partecipare all'Oscar green – ricorda il delegato regionale di Coldiretti Giovani Impresa Giovanni Murru che poi lancia un appello ai colleghi – iscrivetevi, perchè è importante pubblicizzare e promuovere le idee virtuose che stiamo sperimentando con successo nella terra e nell'agroalimentare». Cinque le categorie in gara che riescono a coinvolgere tutte quelle proposte innovative, creative, che rispettano l'ambiente, aggregano e si estendono anche al sociale. I percorsi imprenditoriali ammessi al concorso devono rispecchiarsi in una delle cinque categorie. Può partecipare anche chi abbia già preso parte alle scorse edizioni, esclusi i vincitori delle ultime due edizioni. Non sono ammessi i membri del Comitato Nazionale di Coldiretti Giovani Impresa nonché i dirigenti regionali e nazionali di Coldiretti.

Le categorie in gara sono: “Impresa 2. Terra” (premierà le aziende agroalimentari che hanno saputo coniugare la tradizione con l'innovazione tecnologica, la creatività e l'originalità), “Campagna Amica” (rivolto a quelle aziende che valorizzano i prodotti Made in Italy con positive ripercussioni sullo sviluppo e la promozione del territorio. E lo fanno in modo innovativo, garantendo al consumatore finale: sicurezza alimentare, qualità dei prodotti e tutela ambientale), “Paese Amico” (per tutte le istituzioni pubbliche, come Comuni ed Unioni dei Comuni, Asl e scuole, che hanno dato il loro contributo per l’attuazione dei progetti promossi da Coldiretti), “We green” (è dedicata alle aziende che pongono particolare attenzione alla tutela dell’ambiente e all’agricoltura sociale. Rientrano le fattorie sociali, ovvero le imprese che hanno come scopo finale il miglioramento della qualità della vita e dello sviluppo locale, attraverso nuove forme di welfare. We Green sono anche quelle imprese che lavorano e producono in modo ecosostenibile riducendo al minimo la produzione di rifiuti, risparmiando energia e risparmiando i materiali attraverso processi innovativi a tutela dell’ambiente) e “Fare rete” (è la categoria aperta anche a società non agricole. Prende in considerazione i modelli di imprese, cooperative, consorzi agrari, società agricole e non, capaci di creare reti sinergiche in grado di massimizzare i vantaggi delle aziende agroalimentari e del consumatore finale).
Nella foto: il presidente Coldiretti Sardegna Battista Cualbu
9:38
L’associazione grandi eventi turritani ha stabilito oggi un primo incontro alle 10.30 presso i locali dell’autoparco comunale con i capi carro che intendono costruire un carro per la sfilata,
23/6/2016
Lunedì, in programma a Sassari un´iniziativa congiunta delle forze del Centrodestra «per sensibilizzare l´opinione pubblica sui temi dell´immigrazione mal gestiti dalla Sinistra, senza una vera politica di integrazione»
23/6/2016
«Spazio agli autori lontani dall´Isola e alla valorizzazione dell´identità sarda», auspica l´assessore regionale della Cultura Claudia Firino
© 2000-2016 Mediatica sas