Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaArresti › Pescatore algherese investe forestale: si è costituito
A.B. 3 marzo 2016
Un 26enne è stato sorpreso dagli agenti della base navale della Guardia Forestale di Porto Conte a pescare abusivamente nell´area Marina protetta di Capo Caccia-Isola Piana. Scappando, ha investito uno degli agenti
Pescatore algherese investe forestale: si è costituito


ALGHERO – Un 26nne algherese è stato sorpreso dagli agenti della base navale della Guardia Forestale di Porto Conte a pescare abusivamente nell'Area Marina Protetta di Capo Caccia-Isola Piana, in località Sant'Imbenia. Le guardie, impegnate in un normale servizio di controllo, hanno aspettato che il giovane uscisse dall'acqua, per procedere all'identificazione e contestare così la violazione.

L'algherese è infatti stato denunciato a piede libero con le accuse di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, pesca abusiva in area protetta e sottrazione di materiale sottoposto a sequestro. Stesse accuse (tranne la pesca abusiva), anche per una donna che si trovava in compagnia del pescatore che, per non farsi identificare e non farsi sequestrare il pescato, il 26enne è scappato, investendo uno degli agenti che si trovava davanti alla sua auto.

Per non farsi travolgere, l'agente si è mantenuto su cofano come poteva, ma è finito a terra alla prima frenata, procurandosi gravi lesioni ad un ginocchio, medicate poi nel locale Ospedale Civile. In un secondo momento, il giovane si è presentato al Comando della Forestale accompagnato dal suo avvocato di fiducia e si è costituito.
21/7/2016
Quattro nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per la rapina del bancomat perpetrata presso l’aeroporto di Alghero lo scorso 19 settembre 2015. Tutti i dettagli in una conferenza stampa svoltasi stamane
21/7/2016
Un funzionario in servizio all´Ufficio Tutela del Paesaggio di Sassari-Olbia è stato arrestato per concussione dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo forestale della Sardegna
21/7/2016
Un 37enne di Olbia e un ungherese di 36 anni sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione di un vasto giro di prostituzione, realizzato reclutando in Ungheria giovani e ignare ragazze che, una volta giunte in Italia, sono state ridotte in schiavitù, anche mediante violenza, e costrette a prostituirsi
© 2000-2016 Mediatica sas