Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaSanità › Centro Trasfusionale declassato: denuncia Avis
S.A. 8 marzo 2016
L'attività del Centro Trasfusionale di Alghero non solo ha garantito tutti gli interventi chirurgici e trasfusionali ma ha persino ceduto le eccedenze di sangue ad altre Asl della Sardegna: la nota del Comitato direttivo Avis contro il decalssamento del Centro a semplice Emoteca
Centro Trasfusionale declassato: denuncia Avis


ALGHERO - Le donazioni di sangue ad Alghero, grazie alla collaborazione tra l'Avis Comunale, quella Provinciale di Sassari e il servizio Immunotrasfusionale di Alghero, negli ultimi 5 anni hanno registrato un incremento di circa il 300% delle attività, come si può evincere dai dati del Servizio Regionale di coordinamento e del Centro Nazionale Sangue oltre che dai dati Associativi. E’ anche aumentata la produzione di plasma per emoderivati e l’assistenza sul territorio, in particolare quella offerta ai talassemici. La sezione A.V.I.S. di Alghero ha contribuito a tale incremento aumentando le proprie donazioni da 802 nell'anno 2009 alle 1345 dell'anno 2015. Significativa è stata la partecipazione dei giovani alle raccolte di sangue, grazie alla capillare sensibilizzazione svolta nelle scuole superiori ed alla assegnazione di borse di studio agli studenti donatori. L' attività del Centro Trasfusionale, inoltre, non solo ha garantito tutti gli interventi chirurgici e trasfusionali ma ha persino ceduto le eccedenze di sangue ad altre Asl della Sardegna.

«Alla luce di questi numeri appare particolarmente grave, mortificante ed ingiustificato che per il Centro Trasfusionale algherese, che opera in modo assolutamente efficiente presso il locale ospedale civile, sia previsto un declassamento a semplice Emoteca. Stupisce ed indigna inoltre che, mentre è stata riconosciuta la necessità del più qualificato Servizio Immunotrasfusionale al territorio di Lanusei, che conta solo 58.000 abitanti, in quanto presidio disagiato, la necessità di tale Servizio venga negata al territorio di Alghero, in quanto presidio turistico che supera costantemente tale numero ed arriva, per oltre 4 mesi all’anno, a ospitare non meno di 100.000 persone» scrive in una nota il Consiglio direttivo. Sulla questione c'era già stata qualche giorno fa la dura presa di posizione del sindaco Mario Bruno che aveva chiesto alla regione la correzione della delibera [GUARDA].

In conclusione: «tale menomazione della Sanità cittadina non potrà che avere ripercussioni negative anche sulle attività turistiche algheresi. E, se non verranno tempestivamente modificati i criteri che ispirano la Delibera RAS 6/15, sarà materialmente impossibile continuare a raccogliere il quantitativo di sangue raccolto finora grazie alla generosità dei donatori ed alla concreta attività delle relative Associazioni di Volontariato, tra cui primeggia la nostra. Inoltre è facile prevedere che ciò causerà nuove migrazioni per motivi sanitari verso località esterne alla nostra Isola con un aggravio delle spese a carico della nostra Regione e dei disagi per i sardi. Comporterà, infine, un inevitabile aumento dell’acquisto di sangue fuori dalla Sardegna e, conseguentemente, farà salire sensibilmente la somma di euro 5.700.000 sborsata nel 2015 per detti acquisti».
24/9/2016
Martedì mattina, la bambina, ricoverata all´ospedale Santissima Annunizata di Sassari, è stata trasportata a bordo di un Falcon 900 Easy, per poi essere trasferita all’ospedale Meyer di Firenze
23/9/2016
Il Labirinto, Associazione per la tutela della Salute Mentale,impegnata nel chiedere l’applicazione della legge sulla Riforma Psichiatrica, sollecita le Istituzioni preposte, a prendere posizione nei confronti di chi, pare stia mettendo in atto un tentativo di smantellamento dei Servizi rivolti ai Sofferenti Mentali, ad Alghero
24/9/2016
«Da Zavattaro a Moirano, Pigliaru conferma scelta su manager non sardo», sottolinea il coordinatore regionale Ugo Cappellacci. «Nomina manager non fa chiarezza sul caos politico», rilancia il capogruppo forzista in Consiglio Regionale Pietro Pittalis
24/9/2016
Con la nomina di Fulvio Moirano alla guida dell’Azienda per la tutela della salute si mette finalmente la parola fine sull’imbarazzante telenovela che ha accompagnato la fase preliminare all’accorpamento delle attuali Asl in un’unica azienda regionale. L’Ats, purtroppo, nasce zoppa per colpa dei partiti del Centrosinistra, che hanno man mano svuotato di contenuti l’idea di Asl unica regionale avanzata per la prima volta dai Riformatori. Con queste premesse, è lecito essere scettici sui risultati che la riforma sarà in grado di produrre
23/9/2016
Duro sfogo dell´assessore ai Lavori pubblici Paolo Maninchedda sulla nomina del primo direttore generale dell´Asl Unica sarda, Fulvio Moirano
23/9/2016
Domenica 25 settembre in piazza d´Italia ci sarà la Giornata del Ciclamino, organizzata dalla Gils per informare, sensibilizzare e raccogliere fondi per la ricerca contro questa patologia altamente invalidante
23/9/2016
La nomina è arrivata attorno alle ore 12 di oggi dalla Giunta Regionale. Nominata Graziella Pintus direttore generale dell’Azienda ospedaliera Brotzu ed individuato Giorgio Sorrentino come direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari
© 2000-2016 Mediatica sas