Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaOpinioniEnogastronomiaIl mio no all´olio tunisino
Salvatore Cicu 10 marzo 2016
L'opinione di Salvatore Cicu
Il mio no all´olio tunisino


Non c'è alcuna possibilità di adesione rispetto ad una decisione che va contro le nostre imprese, creando gravi danni per i nostri consumatori. Il mio no all'immissione dell'olio tunisino nel comparto agricolo nazionale resta fermo, in maniera chiara e senza equivoci. La tutela delle eccellenze locali ​prodotte in ambiti già danneggiati da ripercussioni gravi, come la Puglia con la xylella, la Sicilia con una produzione che stenta ad avere una commercializzazione adeguata, e la Sardegna, con i piccoli produttori che vogliono finalmente avere uguali identiche possibili di merca.

Sostenere i processi di democratizzazione della Tunisia non significa dover compromettere i flussi commerciali dell’olio prodotto in Italia. Già 56.000 tonnellate di produzione sono state previste, altre 70.00 invece dovrebbero arrivare. Questo corrisponde ad una vera e propria invasione con evidenti crolli del prezzo e flessione al ribasso di un settore già in profonda crisi.

Il voto di oggi resta un accordo contro le nostre economie. Occorre allora riaprire il confronto su finanziamenti da dedicare ad una reale tutela dei marchi, una tutela più rigida e stringente per difendere il comparto agricolo da frodi, miscele di olio non italiano ma venduto come italiano. Le imprese e i consumatori sono i principali destinatari di una politica europea lontana dagli interessi locali dei nostri territori.

*Europarlamentare PPE
11:07
Un tour negli antichi forni a legna del centro storico, nel mulino idraulico e nei laboratori di pane giocattolo e artistico alla riscoperta dei saperi della cultura contadina. «Momento difficile per la cerealicoltura isolana», sottolinea Coldiretti
29/6/2016
La Cantina di Santa Maria La Palma vince due premi speciali nell’International Wine Competition di New York, che ha visto la partecipazione di più di 1000 vini provenienti da 25 paesi
© 2000-2016 Mediatica sas