Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaLavoro › Nel 2015, disoccupazione in calo nell´Isola
A.B. 12 marzo 2016
Crescono occupazione e forza lavoro in Sardegna. Bene il lavoro femminile. Questi i dati relativi al quarto trimestre dello scorso anno
Nel 2015, disoccupazione in calo nell´Isola


CAGLIARI - Con la pubblicazione dei dati relativi al quarto trimestre del 2015, c’è la conferma definitiva: l’anno che si è appena chiuso va in archivio per la Sardegna con un generale miglioramento del mercato del lavoro, con la disoccupazione che cala al 16,6percento, occupazione e forza lavoro che continuano a crescere e con un sostanzioso contributo del lavoro femminile che registra diversi elementi incoraggianti. La regione si conferma la migliore del Mezzogiorno, ed in diversi risultati si avvicina alla media nazionale. È quanto emerge dal consueto report sul mercato del lavoro, rilasciato ieri (venerdì) dall’Istat, ed elaborato dal Servizio di Statistica regionale. «Quelle che giungono dal mondo del lavoro sono notizie incoraggianti, che confermano il trend osservato nei trimestri precedenti e lo consolidano su tutto il 2015 - dichiara il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru - Non solo il tasso di disoccupazione dalla fine del 2014 è sceso con una certa continuità, ma tutti i dati sono positivi e concordano nel mostrare che l’occupazione aumenta e aumenta chi cerca lavoro, dimostrando che c’è una fiducia crescente. Quest’ultimo elemento è peculiare della Sardegna, e la pone qualche gradino più avanti rispetto alle altre regioni. Continuiamo dunque a lavorare per rafforzare questa tendenza positiva».

Per l’assessore regionale del Lavoro Virginia Mura, i dati sul quarto trimestre 2015 confermano i segnali positivi che già le ultime rilevazioni avevano evidenziato. «La Sardegna migliora più del resto del Mezzogiorno, e a far segnare questa differenza positiva sono certamente anche le politiche attive avviate dalla Giunta regionale - spiega l’esponente dell’Esecutivo - Infatti, in presenza di un quadro normativo comune a tutta Italia con le varie misure avviate a livello nazionale, sottolineo come le migliori performances della nostra regione siano certamente, almeno in parte, dovute alle scelte del governo regionale. Saluto anche con soddisfazione la vitalità che sta esprimendo il lavoro femminile, che registra molti segnali positivi. Certo, la cautela è d’obbligo e l’attenzione deve restare massima, ma il quadro del mercato del lavoro ci incoraggia a proseguire nella strada intrapresa». Il tasso di disoccupazione in Sardegna nel quarto trimestre del 2015 si attesta al 16,6percento, contro il 19,4percento del Mezzogiorno e l’11,9percento nazionale, ed in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno prima (quando era al 18,3percento). Sono 10300 i disoccupati in meno nell’isola rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (al 31 dicembre erano 111500, alla stessa data del 2014 121800). Non solo: per la prima volta dopo diversi anni, nel 2015 (considerato complessivamente) il numero dei disoccupati cala (-5,4percento), mentre negli anni precedenti aveva registrato dati in crescita: 15,9percento nel 2012, 8,1percento nel 2013, 8,5percento nel 2014.

Il tasso di occupazione in Sardegna, al quarto trimestre del 2015, è al 50percento (circa 561200 unità, circa 15mila in più dell’anno precedente, quando erano 546300), contro il 42,8percento del Mezzogiorno ed il 56,6percento nazionale. La variazione tendenziale (rispetto allo stesso periodo del 2014) nell’Isola registra un 2,7percento, contro l’1,2percento del Mezzogiorno e lo 0,8percento nazionale. Incoraggianti anche i numeri della forza lavoro, ossia il totale delle persone occupate e di quelle in cerca di occupazione: in Sardegna è in territorio positivo, +0,7percento, a fronte dei cali del Mezzogiorno, -1,1percento, e del resto d’Italia, -0,7percento. Idem per il tasso di attività: 60,1percento in Sardegna, 53,2percento al sud, 64,5percento il dato italiano. Tra le note più liete, da evidenziare le buone performances del lavoro femminile in Sardegna. Il tasso di occupazione femminile è più alto che nel resto delle regioni del sud: 41,6percento contro il 30,6percento, più prossimo al valore nazionale: 47,5percento. Al quarto trimestre del 2014, le occupate sarde erano 220700 circa, alla stessa data del 2015 sono risultate 229800, con una variazione del 4,1percento (e quasi due terzi del totale), contro il -0,7percento della media del Mezzogiorno e lo 0,1percento nazionale. Aumentano dunque gli occupati, ma la componente femminile è quella che ha la performance migliore.
8:45
Nell´intesa l´esecutivo si impegna a promuovere l´approvazione da parte del Consiglio regionale, nei tempi più brevi possibili, di un disegno di legge che garantisca la copertura finanziaria al completamento delle progressioni 2011-2013
29/9/2016
La denuncia dell´ O.S.A.P.P. descrive una situazione «oramai divenuta insostenibile» nel carcere sassarese, e il segretario regionale annuncia una mobilitazione della categoria
29/9/2016
«Dopo il lavoro svolto in questi mesi dall’Assessorato insieme alle parti sociali, accogliamo con favore la chiusura dell’accordo tra sindacati e azienda per il mantenimento produttivo e la salvaguardia dell’occupazione alla Sarmed di Villacidro», ha dichiarato l’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras
© 2000-2016 Mediatica sas