Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Nuovo appuntamento con Exploralghero
A.B. 17 marzo 2016
Domenica, la cooperativa propone una nuovo escursion a pochi chilometri dalla città. Stavolta, i partecipanti andranno a S´istrampu de su signore
Nuovo appuntamento con Exploralghero


ALGHERO - Domenica 20 marzo, la cooperativa Exploralghero propone una nuova escursione a pochi chilometri da Alghero. Si va nel territorio di Villanova Monteleone, lungo la litoranea Alghero-Bosa, in località S'istrampu de su signore. In questa area costiera, le pareti rocciose di origine vulcanica si stagliano ripide e sono ricoperte di una folta ed intricata macchia mediterranea.

L’escursione seguirà un torrente che si snoda sinuoso lungo un profondo canalone, creando dei salti d’acqua di forte suggestione. Il percorso ha una lunghezza di circa 5chilometri (andata e ritorno), presenta tratti molto fangosi e forti pendenze. L'escursione di livello E, avrà durata di circa cinque ore e prevederà un numero massimo di trenta partecipanti. Quindi, si rende obbligatoria la prenotazione entro sabato mattina.

Sono indispensabili un buon allenamento alle lunghe camminate su terreni accidentati, scarpe da trekking, un abbigliamento adatto alla stagione, un' impermeabile ed una buona riserva di acqua. Gli organizzatori consigliano di portare un pranzo al sacco che consumeremo a metà percorso. Il ritrovo è stato fissato alle ore 9.15, nell'area sosta dei pullman del Piazzale della Pace, mentre la partenza avverrà mezz'ora dopo. L'escursione inizierà alle 10.20 e si concluderà attorno alle ore 16.30.
25/3/2017
Il vicepresidente del parco nazionale dell’Asinara, Antonio Diana e il sindaco Sean Wheeler incontreranno a Cagliari, lunedì 27 marzo, l’assessore regionale all’industria Maria Grazia Piras per discutere lo stato di attuazione dell’intervento sull’adeguamento del sistema idrico integrato di Cala d’Oliva
24/3/2017
In futuro si potrebbe lanciare un “concorso” a chi utilizza peggio le isole ecologiche. Dovevano essere un fiore all’occhiello del ripensamento dei rifiuti sulla strada e invece sono diventati contenitori di degrado e sporcizia
© 2000-2017 Mediatica sas