Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCulturaCultura › Sa Die: migrazioni il tema della festa
S.A. 27 marzo 2016
"Sardinia, terra de migrantes": è un tema caldo quello scelto dalla Regione, su proposta dell´assessore della Cultura, Claudia Firino, per celebrare il 28 aprile Sa Die de sa Sardigna 2016
Sa Die: migrazioni il tema della festa


CAGLIARI - "Sardinia, terra de migrantes": è un tema caldo quello scelto dalla Regione, su proposta dell'assessore della Cultura, Claudia Firino, per celebrare il 28 aprile Sa Die de sa Sardigna 2016. «Il filo rosso che lega le iniziative alle quali stiamo lavorando per Sa Die riguarda i fenomeni migratori - ha commentato Firino dopo la delibera di Giunta - penso ai sardi diventati cittadini del mondo che portano con sé le loro radici culturali intrecciandole con altre tradizioni, ma anche, in un momento storico di grandi flussi migratori verso la Sardegna, alle popolazioni che scelgono la nostra isola come approdo, terra nella quale vivere, facendone nuova casa d'adozione, nella quale potersi integrare al meglio».

Il programma di Sa Die prevede iniziative in collaborazione con i Circoli sardi e le comunità straniere presenti nell'Isola, eventi musicali con la partecipazione di artisti e gruppi tradizionali e moderni. «L'idea - ha proseguito la titolare della Cultura - è quella di coinvolgere le scuole e la società civile, per sensibilizzare soprattutto le giovani generazioni sull'importanza che ricopre nella vita di ciascuno di noi l'integrazione sociale, anche alla luce delle sfide che la Sardegna deve affrontare in Europa, nella sua dimensione di terra al centro del Mediterraneo, ospitale e solidale con i popoli che hanno maggiore necessità».

Nella foto: L'assessore Claudia Firino
20:57
Il capolavoro di Emilio Lussu raccontato attraverso una lettura corale fatta da 63 illustri nomi della cultura sarda e italiana
30/6/2016
lunedì 4 luglio alle ore 10,30 si inaugura la sede dell’archivio storico e della biblioteca. Il restauro, finanziato dall’Unione europea con circa un milione e duecentomila euro, è stato progettato e diretto dallo studio Roggio-Gavini ed eseguito dalla ditta Pau di Collinas
© 2000-2016 Mediatica sas