Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteNomadi › Rapporto Rom, l´esempio-Alghero in Senato
Red 9 aprile 2016
Tra i pochi esempi di comuni italiani che hanno optato per il superamento dei “campi” il Rapporto Annuale 2015 sulla condizione di rom e sinti in Italia focalizza l´attenzione sul caso-Alghero
Rapporto Rom, l´esempio-Alghero in Senato


ALGHERO - L’impegno a superare definitivamente la politica dei “campi nomadi” entro il 2020, assunto dall’Italia nel 2012 con l’adozione della Strategia Nazionale di Inclusione dei Rom, è lungi dall’essere raggiunto. Nel nostro Paese circa 35 mila rom continuano a vivere in condizioni di emergenza abitativa – oltre la metà dei quali in 155 insediamenti gestiti dalle istituzioni, da nord a sud – e numerose amministrazioni comunali e regionali perseverano nella progettazione e nella costruzione di nuovi ghetti per soli rom, da Vicenza a Genova, da Napoli a Barletta.

Sono solo alcuni dei dati che emergono dal Rapporto Annuale 2015 sulla condizione di rom e sinti in Italia di Associazione 21 luglio, presentato venerdì in Senato in concomitanza con la celebrazione della Giornata Internazionale dei Rom e dei Sinti. Il Romanò Dives, in ricordo del primo Congresso di intellettuali rom svoltosi a Londra 45 anni fa. Nel corso dello stesso venne stabilito il termine “rom” come denominazione ufficiale, l’inno Djelem Djelem in memoria del genocidio avvenuto nei campi di sterminio nazisti e la bandiera con la ruota indiana su sfondo per metà verde, a simboleggiare la terra coperta d’erba, e per metà azzurra come il cielo.

Alla presenza del Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato Luigi Manconi, il Rapporto scatta una fotografia delle condizioni di vita di tali minoranze nel nostro Paese, analizzando le misure adottate a livello nazionale e locale e i numerosi richiami giunti nei confronti dell’Italia, su cui pende una procedura d’infrazione della Commissione Europea, da enti e organizzazioni internazionali che hanno posto sotto la lente d’ingrandimento politiche segregative e discriminatorie. Tra i pochi esempi di comuni italiani che hanno optato per il superamento dei “campi” il rapporto porta proprio quello della città di Alghero in Sardegna, che attraverso fondi della Regione nel gennaio 2015 ha avviato un progetto mediante il quale ha reperito abitazioni sul mercato privato destinandole ai rom che vivevano nel ghetto dell'Arenusu, alle porte di Fertilia.


L'INTERVENTO DI LUIGI MANCONI AD ALGHERO IN OCCASIONE DEL PRIMO ANNIVERSARIO DELLA CHIUSURA DEL CAMPO ROM DELL'ARENOSU
© 2000-2018 Mediatica sas