Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaRistorazione › Festha Manna: inizia il cammino dei Martiri
Mariangela Pala 2 maggio 2016
Dopo la celebrazione della Santa messa in Basilica una folla di fedeli accompagnerà in processione i Protomartiri Turritani Gavino, Proto e Gianuario fino alla chiesetta di Balai vicino. Mercoledì l’anniversario della Dedicazione (o consacrazione ) della Basilica Turritana
Festha Manna: inizia il cammino dei Martiri


PORTO TORRES - Appuntamento tradizionale per i fedeli della comunità di Porto Torres e della diocesi. Inizia domani, martedì 3 maggio la festa religiosa che celebra il culto dei Santi Martiri. Dopo la celebrazione della Santa messa in Basilica da parte di don Mario Tanca, una folla di fedeli accompagnerà in processione i Protomartiri Turritani Gavino, Proto e Gianuario fino alla chiesetta di Balai vicino.

A partire da quel giorno, numerosi pellegrini si recheranno nella chiesa di San Gavino a mare in pellegrinaggio fino al giorno della vigilia della festa della Pentecoste. Il luogo dove si racconta che i corpi santi siano stati custoditi fino a quando è stata costruita la Basilica, diventerà luogo di preghiera fino alla fino alla domenica di Pentecoste, quando le statue lignee saranno riportate nella chiesa romanica di Monte Agellu. I fedeli della comunità parrocchiale e molti altri provenienti da Sassari e da altri centri, in quella sera non mancano di manifestare la loro devozione ai martiri, partecipando all’evento religioso.

La Processione del rientro e il Pontificale del giorno della festa sono, infatti, i momenti culminanti in cui la comunità turritana manifesta la propria devozione ai Santi. Dalla sera del 3 maggio avranno inizio una serie di eventi che testimoniano il legame profondo che esiste tra i Martiri e la comunità turritana. La data del 4 maggio è assunta, per tradizione, come l’anniversario della Dedicazione (o consacrazione ) della Basilica Turritana.

«L’origine e la conferma di tale tradizione va riferita al “Condaghe di San Gavino” apografo stampato nel 1620, di cui si trova un unico esemplare a Cagliari presso la Biblioteca Universitaria», ha detto il parroco Don Mario. In calce a tale documento a stampa in lingua sarda logudorese, si porta la data di dedicazione e consacrazione della Insigne Basilica turritana, fino al 1441 Cattedrale dell’Arcivescovo turritano, che aveva sotto di sé ben sette diocesi suffraganee: Sorres, Plovaca, Castra, Bisarcio, Ampurias, Bosa e Ottana ( la cui sede dopo il 1503 venne trasferita ad Alghero).

Si legge nel Condaghe che probabilmente riferisce come data una precedente dedicazione di un’altra cattedrale paleocristiana, naturalmente antecedente a quella attuale costruita con maestranze pisane nel periodo intercorrente tra il 1030 e il 1080, quando terminò la costruzione. Durante la santa messa solenne celebrata dall’Arcivescovo di Sassari, Paolo Atzei,viene esposta in Basilica la statua dell’Annunciazione dell’Arcangelo Gabriele a Maria che si trovava nell’abside orientale.

*foto di Angelo Dedola
© 2000-2017 Mediatica sas