Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaSportMotociclismo › Sardegna Rally Race: Xavier de Soultrait vince Prologo a Budoni
A.B. 3 giugno 2016
Con la vittoria del pilota della Yamaha, è scattata la nona edizione del Goldentyre. Fino a martedì, attraverserà le province di Olbia-Tempio, Sassari, Nuoro ed Ogliastra, e nel disegno di un triangolo magico con i vertici puntati su Budoni, Sa Itria ed Arbatax. Cinque tappe per 1500chilometri, oltre la metà dei quali distribuiti in nove settori selettivi
Sardegna Rally Race: Xavier de Soultrait vince Prologo a Budoni


BUDONI - Goldentyre Sardegna Rally Race 2016. È il momento magico in cui il Rally centrale del Campionato del Mondo sbarca in Sardegna. Ne un’invasione, ne un arrivo clandestino. L’entusiasmante e colorata ciurma del Sardegna Rally Race attracca alla sua Isola gettando gli ormeggi alla banchina principale di Budoni, una delle perle del litorale est. Ad accoglierla, il sindaco Giusepppe Porcheddu, che dirige le operazioni di avvio dell’unica prova europea del Mondiale Rally-Raid. È il sogno in un’atmosfera da sogno, che vive in Sardegna e per la Sardegna. La mossa del Rally inventato ed organizzato da Bike Village anima la via principale di Budoni, creando il calore dell’atmosfera tipica dei grandi eventi. Stimolante, contagiosa, seducente in quell’aura che propone i fuoriclasse della disciplina più affascinante del fuoristrada al contatto diretto con il territorio e con la gente. È l’ora delle verifiche tecniche e sportive, e del breve, spettacolare prologo alle porte delle città. Di che scatenare l’entusiasmo, non solo degli appassionati, per la corta e intensissima settimana che diventerà il leit motiv di una corsa travolgente, la sottolineatura di un nuovo capitolo di suggestione attraverso l’incanto dei luoghi più belli dell’Isola. È il nono capitolo del Goldentyre Sardegna Rally Race, apologia del confronto tra i grandi fuoriclasse della specialità nata ed alimentata dall’immaginario della Parigi-Dakar.

Fino a martedì 7 giugno, attraverso le province di Olbia-Tempio, Sassari, Nuoro ed Ogliastra, e nel disegno di un triangolo magico con i vertici puntati su Budoni, Sa Itria ed Arbatax. Cinque tappe per 1500chilometri, oltre la metà dei quali distribuiti in nove settori selettivi. I concorrenti, tra questi i migliori del mondo, segnano un record che è l’altro must dell’evento inventato da Antonello Chiara e Gian Renzo Bazzu. Quest’anno, sono una novantina, oltre due terzi dei quali iscritti al Campionato del Mondo, ed il restante gruppo al Campionato Italiano che nel Mondiale di Bike Village trova un’ambientazione privilegiata, irripetibile. Da dove iniziare? Da quelli… che non ci sono, loro malgrado impediti da circostanze irrimediabili. Come la formazione Ufficiale Ktm Regina del Cross-Country Rally da tre lustri, i cui campioni sono fermati da infortuni. Panchina corta ed infermeria affollata, non c’è il detentore del Sardegna Rally Race, lo straordinario pilota austriaco che un anno fa ha iniziato dalla Sardegna la scalata al titolo mondiale conquistato a fine stagione.

Il Team Honda, espressione del rinnovamento firmato Boasso, presente con il vincitore dell’ultimo appuntamento a tema in Africa solo una settimana fa, l’astro argentino Kevin Benasvides, e qui alla ricerca della linea retta verso un inedito successo alla prossima Dakar. Ed il Team Yamaha ufficiale, schierato per la prima volta al completo in una prova del Campionato del Mondo e forte di Helder Rodrigues, Adrien Van Beveren ed Alessandro Botturi, vincitore del Rally nel 2014 ed al rientro dopo l’infortunio di inizio anno. Il Team Ufficiale Sherco, che incarica il suo pilota più rappresentativo, Juan Pedrero, di ripetere le performance strabilianti degli anni scorsi, o l’altro spagnolo Armand Monleon, vincitore del Rally in Cina due giorni fa e puntuale all’appuntamento con il Rally di Bike Village, che lo ha salutato sul podio della scorsa edizione. Per non parlare della coppia Camelia Liparoti Eric de Seynes, rispettivamente sei volte campione del mondo e boss Yamaha Europe, con il Ssv, o di Olivier Pain, il fuoriclasse francese che torna ai rally dopo le sfortunate esperienze del recente passato, ed è ora schierato dal Team Ufficiale Beta Italiano, grazie alla fantastica operazione di joint venture Dirt Racing Team-Bike Village.

Via con il Prologo, prima “espressione” racing del confronto cresciuto d’intensità già nella cornice delle fasi preliminari. Il percorso è breve, lo spettacolo debordante. È quello che conta. Per questo è stato incluso nel programma. Ha vinto il francese Xavier de Soultrait. Vanni Cominotto è secondo, Juan Pedrero terzo. Ma il Rally “vero” inizia oggi (venerdì), con la tappa Budoni-Budoni, un gigantesco anello di corsa con due prove speciali magnifiche.
© 2000-2018 Mediatica sas