Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniLocaliNon tavolini ma risposte in centro storico
Egidio Calciati 30 giugno 2016
L'opinione di Egidio Calciati
Non tavolini ma risposte in centro storico


In ordine a possibili malintesi che possono scaturire da una lettura affrettata di alcuni articoli (ed in particolare di quello pubblicato da Alguer.it il giorno 24 giugno col titolo “Patto commercianti e residenti - Più tavolini e regole in Centro” [LEGGI]) il Comitato di Quartiere L’Alguer Vella precisa la propria posizione, così come espressa in modo chiaro ed univoco in occasione dei recenti incontri con l’Amministrazione Comunale ed i rappresentanti delle categorie produttive. Il Comitato di quartiere non ha stipulato alcun Patto diretto ad aumentare le aree destinate ai tavolini di ristoranti e caffè. Ha anzi chiesto che venga data piena applicazione al Regolamento già approvato, in tutti quei casi in cui la percentuale di superficie occupata è palesemente superiore al 35% stabilito dall’Amministrazione.

Il Comitato dei residenti ha semplicemente dichiarato di nulla opporre quando i limiti prescritti vengano rispettati (eventualmente nel cosiddetto doppio poligono) o di rimettersi alle valutazioni dell’Amministrazione nel caso del citato doppio senso di marcia di Via Sant’Erasmo. L’articolo conclude con un accenno agli emendamenti bocciati perché “non concertati tra associazioni di categoria e residenti”. Ed infatti, poiché tali richieste riguardavano ipotesi di aumento delle superfici di alcune piazze, coerentemente con le posizioni sopra espresse il Comitato si è fermamente opposto. Nel corso degli incontri, i rappresentanti dei residenti hanno ribadito le proprie richieste, sollecitando l’amministrazione affinché si adoperi per risolvere i problemi più volte messi in luce e sempre rimandati.

In particolare, è stato ricordato l’annoso problema dei parcheggi riservati ai residenti: il presiedente del Comitato ha fatto notare che, in occasione della riqualificazione del lungo tratto che va dallo Scalo Tarantiello a Piazza Sulis, sono stati sacrificati all’isola pedonale oltre 30 stalli di parcheggio, mai “sostituiti” nonostante gli impegni dell’allora Amministrazione. Ed ancora, i controlli degli accessi (spesso elusi dai furbi in controsenso) e, soprattutto, la vergognosa situazione del parcheggio multipiano di Piazza di Mercati, possibile polmone ma ben poco utilizzato in quanto totalmente privo di custodia e vigilanza, tenuto in condizioni igieniche a dir poco precarie e meta di scorribande dei vandali notturni.

È stato poi posto l’accento sul decoro urbano, messo in crisi dalla sporcizia e dall’incuria. La presenza dei bidoni dell’immondizia appartenenti a privati che stazionano abitualmente sulle carreggiate, non di rado nei pressi delle Chiede monumentali, non solo è indecorosa, ma crea isole di deposito dei rifiuti, certamente non degne di una Città che vuole offrirsi agli sguardi dei turisti e (perché no?) degli stessi algheresi. Ultima, ma non meno rilevante, è stato evidenziata l’esigenza di salvaguardare gli abitanti dalle emissioni di rumori, fumi ed odori provenienti delle attività di ristorazione ed intrattenimento. Finora, ha concluso il presidente ed hanno riconosciuto i rappresentanti dell’Amministrazione e delle Associazioni di Categoria, il Comitato di Quartiere del Centro Storico – L’Alguer Vella, ha sempre dimostrato la più grande disponibilità ed apertura alla discussione dei problemi per una pacifica e fruttuosa convivenza tra residenti ed operatori economici. Ora, però, è il momento di mettere mano anche alle legittime esigenze di chi il Centro lo vive e rende vivo.

*presidente Comitato del Centro Storico – L’Alguer Vella
© 2000-2017 Mediatica sas