Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › L´incubo di Alghero. Dal terribile 2006 un´escalation
M.V. 2 luglio 2016
Ancora presto per cantare vittoria, ma l´avvio del nuovo appalto per l´igiene urbana impone grande ottimismo. Col nuovo servizio sarà decisivo riuscire ad imporre dal primo minuto il rigoroso rispetto del capitolato. Regole e controlli: essenziale un sussulto d'orgoglio degli stessi cittadini
incubo di Alghero
Dal terribile 2006 un´escalation


ALGHERO - Salvo ulteriori e possibili colpi di scena (l'Ambiente 2.0 ha annunciato ricorso contro l'aggiudicazione del Tar), la proroga firmata nei giorni scorsi a Sant'Anna potrebbe essere una delle ultime di una infinita serie [LEGGI]. E' ancora troppo presto per cantare vittoria, ma l'avvio del nuovo appalto per l'igiene urbana in capo alla Ciclat impone grande ottimismo in città. Una cosa pare chiara: sarà decisivo riuscire ad imporre dal primo minuto il rigoroso rispetto del capitolato. Un'inversione di rotta necessaria, ma possibile solo col contributo di tutti, ad iniziare dai cittadini-residenti.

Finisce un incubo. Il problema della gestione della nettezza urbana è tra le eredità più difficili lasciate dalle precedenti amministrazioni. Nonostante gli evidenti problemi degli ultimi mesi, spesso si tenta di descrivere quello attuale come il periodo più difficile, in realtà la città ha conosciuto momenti molto peggiori in termini di sporcizia e mancato decoro. Basta scorrere l'archivio del Quotidiano di Alghero per rinfrescare la memoria e riportare la città ai periodi più bui. Si parte dal 2006 e sarà solo l'inizio di un problema mai risolto [FUOCO IN VIA CAVOUR]

Evidenti i disservizi crescenti anche nell'agosto del 2007 [GUARDA]: ecco le condizioni della città in piena stagione estiva e l'ira dei commercianti [LEGGI]. I cumuli di rifiuti non risparmiavano gli angoli più suggestivi come i bastioni e il campanile [GUARDA]. Problemi sempre crescenti anche negli anni successivi: Centro storico shock era l'agosto del 2008 [GUARDA] e passeggiare la sera per le strade nel cuore di Alghero era quasi impossibile [PIAZZA TEATRO].

Un'escalation di inefficienza e maleducazione. Accanto agli evidenti e quotidiani disservizi riferibili a ritardi nella gestione, cresce una diffusa scarsa attenzione di cittadini e imprese al rispetto delle regole. Un mix letale che oltre ad affossare l'immagine della città contribuisce ad offuscare quella dell'allora amministrazione, incapace di garantire i minimi standard di decoro e pulizia. E' una vera e propria escalation: Indimenticabili le immagini del porto turistico anche nel 2011 [GUARDA]. Denunce e diffide non risolvono le cose e solo nel 2016 si arriva alla firma del protocollo che permetterà di bandire un apposito servizio.

I problemi con i cumuli di rifiuti a Fertilia sono datati 2010 [GUARDA]. Anche lo scempio a cui si tenta in queste settimane di porre rimedio davanti all'ingresso del mercato civico risale al 2011 e 2012 [LEGGI]. Le micro-discariche in centro proseguono fino al 2013 [VIA ROMA], mentre le disastrose condizioni delle spiagge si protraggono fino al 2014 [GUARDA]. Non cambiano troppo le cose nel 2015 fino ai giorni nostri: la maleducazione dilagante è tra le principali cause della mini-discarica (una delle tante) denunciata dai genitori della scuola d'infanzia Montagnese [LEGGI].
14:57
Le risorse aggiuntive arrivano dalla seconda variazione di bilancio, approvata dal Consiglio regionale alla fine dello scorso mese di settembre, e vengono destinate all’ampliamento del numero di Comuni compresi nella tabella di ripartizione dei fondi
9:02
Lingua blu, siccità e prezzo del latte saranno i temi trattati dall’assemblea sindacale di Coldiretti Nuoro Ogliastra organizzata per lunedì mattina, nella Sala consiliare di Cardedu
20/10/2017
Servizi in borghese, utilizzo di videocamere e del drone, potenziamento del personale e dei mezzi a disposizione del nucleo di controllo ambientale che assicura una copertura 24 ore su 24. Tolleranza zero della Polizia locale di Sassari contro chi non differenzia i rifiuti e soprattutto contro le grandi utenze che producono la maggior parte della spazzatura, incidendo negativamente sui valori
19/10/2017
4milioni per il rifinanziamento del meccanismo di premialità 2017 che incentiva la raccolta differenziata nei Comuni: li ha programmati la Giunta regionale, approvando una delibera proposta dall’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano per l’attuazione dell’atto di indirizzo sullo sviluppo delle raccolte differenziate dei rifiuti urbani nel territorio regionale
© 2000-2017 Mediatica sas