Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEditorialiPolitica › Il Picconatore nel diario di Ortona
3 ottobre 2016
Il settennato di Francesco Cossiga (1985-1992) è stato segnato da vicende di forte intensità sia in politica interna che in politica estera. Nel Diario dell’addetto stampa del Quirinale gli anni del lento declino dei partiti tradizionali. Le interviste in occasione della presentazione de “La svolta di Francesco Cossiga. Diario del Settennato”
Il Picconatore nel diario di Ortona


Ludovico Ortona, ambasciatore di famiglia di grandi ambasciatori (suo padre Egidio fu il diplomatico che guidò il radicamento dell’Italia nella politica atlantica, dall’ambasciata di Washington) è stato l’addetto stampa del Quirinale fra il 1985 e il 1992. Durante quel periodo tenne un diario quotidiano “La svolta di Francesco Cossiga. Diario del Settennato” appena arrivato in libreria, edito dalla Aragno Editore (con una prefazione di Giuliano Amato e una postfazione di Pasquale Chessa).

È stato presentato giovedì scorso nella Sala Koch di Palazzo Madama, proprio da Giuliano Amato, giudice costituzionale, Franco Venturini, editorialista di esteri del Corriere, Stefano Folli editorialista di politica interna della Repubblica con Pasquale Chessa, giornalista e storico, ma anche direttore di Alguer.it, nel ruolo di moderatore. Fra il pubblico anche il più insigne successore di Cossiga, il presidente emerito Giorgio Napolitano.

Il settennato di Francesco Cossiga (1985-1992) è stato segnato da vicende di forte intensità sia in politica interna che in politica estera. Sono gli anni in cui si assiste ad un lento declino dei partiti tradizionali, una rivoluzione negata dalla classe dirigente del Paese, destinata invece a sconvolgere l'intera mappa del potere politico. Sul piano internazionale si verifica un rivolgimento epocale con il crollo del muro di Berlino nel 1989, il susseguirsi di eventi nei Paesi dell'Est e la successiva dissoluzione dell'Unione Sovietica. |
ADNKRONOS
| CANALE 12
17:06
Come può una Amministrazione ignorare le segnalazioni circa la stabilità del Centro residenziali per gli anziani in Viale della Resistenza ad Alghero? O aspettare che venga giu, proprio come il ponte? Sarà una “opera pubblica inserita armoniosamente nel paesaggio”, ma ormai obsoleta a causa del passare degli anni, e a causa anche di scarsa manutenzione come si dice
16/8/2018
Sorprende la rapidità con cui il sindaco Bruno, dopo aver prudentemente ordinato l’abbandono del complesso di viale della Resistenza, ha annunciato in modo perentorio la realizzazione altrove di una nuova struttura per anziani e l’alienazione di quella esistente
9:18
Nei cinquant´anni della sua esistenza, il ponte ha visto i pedaggi (i guadagni) ed il traffico aumentare a dismisura; ma nessuno dei gestori ha mai tentato di ridurne, parzialmente o temporaneamente, i carichi di lavoro e di programmare un´accurata manutenzione
16/8/2018
Il consigliere comunale eletto ad Alghero nelle fila dell´Upc, dopo un lungo percorso di avvicinamento aderisce al gruppo consiliare del Partito democratico. Già alla firma alcuni comunicati stampa
© 2000-2018 Mediatica sas