Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariOpinioniReferendumBattuta d´arresto per l´intero Paese
Nicola Sanna 5 dicembre 2016
L'opinione di Nicola Sanna
Battuta d´arresto per l´intero Paese


Con il risultato del referendum costituzionale, la possibilità di avviare un processo di riforma del Paese ha subito una battuta di arresto. Tanti atteggiamenti negativi si sono sommati: in Sardegna e nel Mezzogiorno la crisi economica ed occupazionale, ancora duramente perdurante, hanno dato motivo di opporsi alla proposta di riforma costituzionale, letta come un giudizio sulla azione del Governo. Tanta rabbia contro le istituzioni di qualsiasi livello locale, regionale e nazionale ed i loro rappresentanti, ritenuti -a torto- unici responsabili delle difficoltà del Paese, si è trasformata in una bocciatura di una riforma possibile; i tanti elementi - più o meno fondati - di criticità presenti nella riforma costituzionale hanno rappresentato la scusa buona per non dare un segnale di fiducia al processo di cambiamento proposto dalla maggioranza parlamentare.

Tanti atteggiamenti contrari a priori nei confronti del presidente del Consiglio Renzi si sono saldati agli oppositori interni al Partito Democratico. Ritenevo che sul merito del quesito la distanza tra il No ed il Si, potesse essere minore, che si sarebbe perso o vinto di poco. Ma il voto è stato un voto politico e non sul merito.

Per chi come me ha sostenuto convintamente le ragioni del SÌ, rimane la certezza che si può ripartire da quel 40% di elettori che vogliono sinceramente rinnovare le nostre istituzioni democratiche. Il fronte del Si è politicamente molto più compatto e forte del disaggregato fronte del No, costituito da differenti forze politiche che non hanno un progetto ed una visione comune per il Paese, un idea che possa essere condivisa che possa unire un Grillo a un D'Alema. Io ho Fiducia nella capacità che il fronte del Si dimostrerà di avere nel conquistare ulteriori consensi ed adesioni, nel costruire nuove alleanze per governare un Paese che ha bisogno di stabilità politica, di un progetto progressista, democratico. Abbiamo perso una battaglia e questo è certamente doloroso, ma la forza delle idee e la fiducia nei nostri concittadini, ci aiuterà a fare ancora meglio per la nostra città, per la nostra Regione, per il nostro Paese.

*sindaco di Sassari (facebook)
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas