Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieoristanoEconomiaEconomia › Santa Giusta, via libera a deposito costiero di gas
Red 16 dicembre 2016
La richiesta di installare un deposito di GNL era stata presentata nell’aprile scorso dalla società Higas al Ministero dello Sviluppo Economico
Santa Giusta, via libera a deposito costiero di gas


SANTA GIUSTA - Via libera della Giunta regionale all’intesa con la quale si potrà autorizzare l’installazione di un deposito costiero di Gas Naturale Liquido da 9.000 metri cubi nel comune di Santa Giusta. L’esecutivo, infatti, ha approvato una delibera che sancisce l’intesa della Regione con il Governo e l’investitore privato. La richiesta di installare un deposito di GNL era stata presentata nell’aprile scorso dalla società Higas al Ministero dello Sviluppo Economico.

L’intesa, che giunge dopo due conferenze di servizi, l’ultima delle quali svoltasi lo scorso settembre, è propedeutica all’autorizzazione definitiva di competenza del MISE. La Regione, anche alla luce del Piano Energetico Regionale e del programma per la metanizzazione della Sardegna prevista dal Patto siglato con il Governo, aveva già espresso parere favorevole. Il progetto della Higas prevede la costruzione di un’unità di stoccaggio per GNL costituito da 6 serbatoi della capacità di 1.800 metri cubi ciascuno. Gli impianti sorgeranno nel porto industriale di Santa Giusta.

«È un atto concreto verso il percorso di metanizzazione della Sardegna, sul quale abbiamo scommesso fin dalle prime mosse di questa Giunta regionale», afferma l’assessora dell’Industria, Maria Grazia Piras. «Si tratta di un cantiere di lavoro che può essere aperto in tempi rapidi. L'iter autorizzativo, anche grazie all’azione del Ministero dello Sviluppo Economico, è stato il più celere ed efficiente possibile. È un’intesa – aggiunge l’assessora Piras – che ci spinge a proseguire con ancor più entusiasmo e determinazione nel percorso tracciato per portare il Metano nell’isola».
Commenti
28/3/2017
Il patron di Moby ha un debito con lo Stato di 180 milioni di euro per l’acquisizione di Tirrenia in amministrazione straordinaria e la prima rata del Prezzo Differito, scaduta quasi un anno fa, non è stata pagata. È tutto nero su bianco nella settima relazione della gestione commissariale di Tirrenia che si riferisce al periodo che va dal 1° gennaio al 30 giugno 2016
28/3/2017
I lavoratori dell’indotto dell’Area industriale di Porto Torres (Area di crisi complessa) potranno contare su un progetto di riconversione da 3 milioni di euro fondato sulle politiche attive del lavoro, che dovrà favorire il loro reinserimento occupazionale.
28/3/2017
Sarà pronto entro due mesi e servirà a decidere la destinazione dei fondi di ingegneria finanziaria. Servirà a decidere la destinazione dei fondi di ingegneria finanziaria aperti presso la Sfirs, circa 300 milioni di euro, durante la precedente legislatura
28/3/2017
A proporre l’emendamento alla manovra finanziaria il capogruppo regionale di Forza Italia Pietro Pittalis, l’ex assessore al turismo Luigi Crisponi (Riformatori) e il capogruppo del Psd’Az Angelo Carta
28/3/2017
Nel corso della riunione verranno esaminati, in particolare, lo stato di avanzamento dell’iter di valutazione delle proposte presentate e i tempi per l’avvio dei progetti
© 2000-2017 Mediatica sas