Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaAnimali › Strage di cani nell´agro di Alghero
S.A. 26 dicembre 2016 video
Un pastore tedesco e due meticci trovati morti in località Mamuntanas. Scontato l'avvelenamento come causa del decesso. Sul posto la Polizia locale e il veterinario dell'Asl. La zona conta numerosi precedenti. Attenzione prima di guardare il video, le immagini potrebbero risultare forti
Strage di cani nell´agro di Alghero


ALGHERO - Un pastore tedesco e due meticci sono stati trovati morti lunedì mattina in località Mamuntanas, poco distante dall'incrocio con la strada Dei Due Mari, all'ingresso di Alghero. Tutti e tre erano senza un microchip e non sono stati rintracciati i proprietari, ma il pastore tedesco aveva due collari (uno nero e l'antiparassitario).

Gli agenti della Polizia locale hanno posto sotto sequestro l'area dove si trovano ancora gli animali, in attesa che vengano portati via domani quando gli uffici competenti riprenderanno i servizi a pieno regime dopo la pausa natalizia. Sul posto è intervenuto anche il veterinario dell'Asl Andrea Sarria. Il medico ha accertato che la morte è avvenuta da qualche giorno e si tratterebbe di avvelenamento, anche se saranno gli esami a stabilire la causa certa del decesso.

Non sarebbe il primo caso in questa area, dove sono numerosi i precedenti, purtroppo sempre senza un colpevole. «Non siamo aiutati come associazioni e i risultati sono anche questi - . L'amministrazione comunale è sorda: servono fondi, tutele e anche telecamere come deterrente per chi usa la violenza contro gli animali» il commento di Eva Bianchi dell'associazione Baloo, la prima a trovare i poveri animali e a denuciare il caso al Comando di via Mazzini.
Commenti

22/4/2018
Ad una settimana dalla liberazione, i quattordici grifoni familiarizzano con le falesie rocciose lungo la penisola di Capo Caccia. Intanto, i monitoraggi sugli otto grifoni radiocollarati testimoniano la loro presenza vicino al carnaio. I ricercatori confidano nel buono stato di salute dell’intero gruppo
22/4/2018
Riprende il progetto per la tutela dell’aragosta rossa (Palinurus elephas), nell’area protetta dell’Asinara. Il progetto si basa sul rilevamento di una serie di dati relativi alla pesca e alla biologia delle aragoste: peso, lunghezza totale, lunghezza carapace, sesso, metodologie di pesca
23/4/2018
«Una soluzione rapida per sostenere il settore», ha auspicato ieri l´assessore regionale dell´Agricoltura
© 2000-2018 Mediatica sas