Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaAmbienteAmbiente › Campi magnetici: 400mila euro in due progetti
Red 30 dicembre 2016
Alla base dei progetti l’importanza del monitoraggio e al controllo territoriale per proteggere la popolazione dall’esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici
Campi magnetici: 400mila euro in due progetti


CAGLIARI - Due progetti da oltre 400mila euro in tema di effetti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici sono stati approvati dalla Giunta, su proposta dell'assessora della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano. Insieme prevedono un finanziamento statale di circa 426mila euro dal Ministero dell’Ambiente.

Alla base dei progetti l’importanza del monitoraggio e al controllo territoriale per proteggere la popolazione dall’esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. I due progetti sono stati redatti dall’Assessorato in collaborazione con Arpa Sardegna.

Lo spiega l’assessora Spano: «Il primo progetto riguarda l’aggiornamento del Catasto regionale degli impianti fissi generatori di campi elettromagnetici in modo che i dati contenuti relativi all’esposizione della popolazione siano direttamente fruibili dai cittadini senza doverli richiedere all’Amministrazione regionale. Il secondo – prosegue l’esponente dell’Esecutivo – consentirà di avere una più approfondita conoscenza territoriale dei campi elettromagnetici a radiofrequenza e un aggiornamento delle metodiche di misura adeguate ai nuovi segnali per telecomunicazioni e alle nuove sorgenti».
Commenti
19:41
In vista dello sciopero proclamato per il 28 gennaio dalle segreterie territoriali delle organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel, le aziende che svolgono i servizi della raccolta dei rifiuti solidi urbani hanno attivato le procedure tese ad assicurare nella giornata di sabato i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili
9:10
«L’extrema ratio sarà la risoluzione del contratto. La sanzione più grave a cui si può arrivare è la rescissione del contratto qualora non verranno garantiti i servizi». L’assessore all’Ambiente Cristina Biancu non esclude come ultima soluzione un annullamento del contratto o l’applicazione di “penali” per una serie di disservizi registrati e contestati nel servizio di raccolta e pulizia della città
23/1/2017
Permane la forte criticità determinata da un pino crollato sul viale Sant´Ignazio da Laconi e che occupa l´intera carreggiata. Per questo il Comune di Cagliari ha prontamente provveduto a chiudere la strada alla circolazione dei veicoli
© 2000-2017 Mediatica sas