Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaAnimali › Cani avvelenati: sospetti sul killer di Alghero
Red 3 gennaio 2017
I tre cani sono stati avvelenati e sparati con più colpi di fucile. Gli esami autoptici sono stati eseguiti nell'Istituto Zooprofilattico di Sassari. Proseguono le indagini
Cani avvelenati: sospetti sul killer di Alghero


ALGHERO - Le autopsie svolte sui tre cani trovati morti a Manuntanas confermano i sospetti della prima ora [LEGGI]: gli animali sono stati avvelenati e sparati con più colpi di fucile. Gli esami autoptici sono stati eseguiti nell'Istituto Zooprofilattico di Sassari e saranno seguiti da altre analisi diagnostiche che indicheranno il tipo di tossico utilizzato.

Nel giorno di Santo Stefano era stata Eva Bianchi, da anni alla guida in città di associazioni per la difesa degli animali, a segnalare l'accaduto alla Polizia locale e al veterinario dell'Asl Andrea Sarria, che aveva già individuato il quadro clinico in un primo accertamento sul posto. Sull'episodio è in corso un'inchiesta della Procura di Sassari e ci sarebbero i primi sospetti ancora non confermati ufficialmente.

Ora si aggiunge un tassello importante: non si è trattato di un incidente ne di un "malore di gruppo", c'è un colpevole (o più colpevoli) che rischia di restare ancora una volta impunito. Infatti, nella zona ci sono numerosi precedenti di cani uccisi con il veleno. Per questo si è mobilitata anche l'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente che ha lanciato una taglia da 10mila euro a chiunque sarà in grado di fornire indicazioni.
Commenti
22/4/2018
Ad una settimana dalla liberazione, i quattordici grifoni familiarizzano con le falesie rocciose lungo la penisola di Capo Caccia. Intanto, i monitoraggi sugli otto grifoni radiocollarati testimoniano la loro presenza vicino al carnaio. I ricercatori confidano nel buono stato di salute dell’intero gruppo
14:12
«Una soluzione rapida per sostenere il settore», ha auspicato ieri l´assessore regionale dell´Agricoltura
22/4/2018
Riprende il progetto per la tutela dell’aragosta rossa (Palinurus elephas), nell’area protetta dell’Asinara. Il progetto si basa sul rilevamento di una serie di dati relativi alla pesca e alla biologia delle aragoste: peso, lunghezza totale, lunghezza carapace, sesso, metodologie di pesca
© 2000-2018 Mediatica sas